Domenica, 28 Febbraio 2021
Lo stratagemma / Polonia

Il ristorante che ha riaperto “assumendo” i clienti

L’idea dei gestori di un noto locale di Katowice in Polonia: per entrare e consumare ai tavoli gli avventori hanno firmato un contratto di lavoro da “assaggiatori”. Ispezione della polizia e dell’ispettorato di sanità la sera dell’inaugurazione

Un noto ristorante di Katowice, in Polonia, ha deciso di aprire al pubblico nonostante le restrizioni imposte dal governo per contenere la diffusione del coronavirus, provando a fare ricorso a uno stratagemma: “assumere” i clienti. 

Come racconta l’edizione locale di Gazeta Wyborcza, il più importante quotidiano polacco, ogni persona, prima di entrare, ha dovuto farsi controllare la temperatura e firmare tre documenti: una autodichiarazione per affermare se aveva già contratto Covid-19 o era stato all’estero, una clausola informativa relativa al trattamento dei dati personali e un contratto di lavoro da “assaggiatore”. I clienti hanno poi ricevuto una scheda con una tabella per valutare, una volta consumato il pasto, la qualità del cibo (gusto, odore, colore), con in cambio un zloty come pagamento simbolico. A ognuno di loro è stato poi chiesto di indossare la mascherina e disinfettarsi le mani ogni volta che si allontanava da tavola.

Il ristorante che ha aperto a cena "assumendo" i clienti come assaggiatori

“Abbiamo fatto tutto il possibile per sopravvivere”, ha spiegato Sylwia Herbut, proprietaria del ristorante Bu?k?s, “ma i costi di gestione superano notevolmente i guadagni”. Una situazione, secondo Herbut, per lei e per gli atri ristoratori, diventata ormai “insostenibile”. La donna, che si dice determinata a difendere le proprie ragioni anche in tribunale, chiama in causa il governo polacco, “che ci vieta di lavorare, non fornisce assistenza, ma allo stesso tempo non ci solleva dalla responsabilità di pagare le tasse, rischiando il fallimento”. 

A luglio il locale si è trasferito in una sede più grande, dopo diversi mesi di lavori di ristrutturazione. Qualche sera fa l’inaugurazione ufficiale del nuovo ristorante, con la decisione di sfidare ugualmente le restrizioni e assumere i clienti come “tester”. Decine di persone hanno fatto la fila fuori, nonostante il freddo e la neve, pur di entrare. All’interno, tavoli tutti occupati da clienti-assaggiatori entusiasti e personale di sala indaffaratissimo.

Sul posto sono arrivati però anche due impiegati del Sanepid, l’ispetttorato sanitario pubblico, e tre agenti della polizia. “Al momento dell’ispezione, all’interno del ristorante c’erano una dozzina di clienti, che hanno consumato i pasti acquistati nel ristorante”, ha confermato una portavoce della polizia di Katowice, confermando che verrà inviata una richiesta al tribunale per sanzionare la proprietà del locale.

Fonte: Katowice Wyborcza →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ristorante che ha riaperto “assumendo” i clienti

Today è in caricamento