Roma Termini, fast food e ristoranti in bilico: "Almeno 220 lavoratori a rischio licenziamento"

Con l'imminente cessazione del contratto di locazione stipulato da Chef Express con Grandi Stazioni Retail, diversi locali, da McDonald’s a Gourmet Mr. Panino, verranno riconsegnati per eseguire lavori di ammodernamento. Così, in un futuro non molto lontano molti addetti potrebbero trovarsi disoccupati

Il McDonald’s della Stazione Termini a Roma

E' un momento di crisi profonda per i lavoratori dei bar, locali di ristorazione e fast food della Stazione Termini, a Roma. Con l'imminente cessazione del contratto di locazione stipulato dalla Chef Express con la società Grandi Stazioni Retail, sono diversi i locali che verranno riconsegnati alla proprietà per consentire interventi di ammodernamento.

Da McDonald’s a Gourmet Mr. Panino, passando per Pizzeria Rosso Sapore, Ristorante Gusto e Bar Galleria Centrale Mokà: secondo le stime dei sindacati sono almeno 220 i lavoratori che nel prossimo futuro potrebbero trovarsi senza occupazione.

Stazione di Roma Termini: in 220 rischiano il posto di lavoro

Come racconta RomaToday, i primi incontri avvenuti tra azienda e sindacati si sono conclusi con un a fumata nera. Chef Express Spa ha già fatto sapere che, pure al netto delle nuove aperture previste, nel sito  della stazione Termini ci sarà un esubero pari al 50% del monte ore complessivo. A casa dunque più di duecento persone. 

“Un ennesimo dramma sociale” – hanno denunciato le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UilTuCS chiedendo l'attivazione di un tavolo di confronto per la salvaguardia occupazionale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Come sempre sembra che le riorganizzazioni commerciali debbano avere come ovvio e ininfluente effetto collaterale la riduzione dei posti di lavoro. Chiediamo che Grandi Stazioni e Chef Express si siedano a un tavolo con i sindacati per verificare le effettive prospettive e salvaguardare i lavoratori” – ha commentato anche il segretario provinciale della Flaica, Giancarlo Desiderati

Fonte: RomaToday →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento