Domenica, 19 Settembre 2021

Sulle tavole arriva il salmone geneticamente modificato

Grande il doppio rispetto a quello di allevamento, presto sbarcherà su tutte le tavole. I dubbi spiegati dagli esperti de Il Fatto Alimentare

Ci siamo. Presto il salmone geneticamente modificato "per crescere di più e più in fretta" arriverà sulle nostre tavole. "L'invenzione" della azienda statunitense AquaBounty Technologies, infatti, potrà essere commercializzata per il consumo umano. La decisione, che ha richiesto cinque anni di approfondimenti da parte della FDA, è stata annunciata nei giorni scorsi, e sembra porre un punto fermo a una storia che dura da un quarto di secolo. 

LE COSE DA SAPERE SUL SALMONE OGM

LA SCHEDA DE IL FATTO ALIMENTARE

Il super salmone è stato realizzato circa 25 anni fa da un gruppo di ricercatori canadesi, e il brevetto è stato acquistato, pochi anni dopo, dalla Aqua Bounty, oggi posseduta da Intrexon Corp (le cui azioni hanno fatto un balzo, il giorno stesso dell’annuncio della FDA, del 7,3%). Si tratta di un salmone dell’oceano Atlantico con un gene del salmone del Pacifico, che conferisce una crescita più rapida, più un gene di un altro pesce oceanico che assicura il raggiungimento di una taglia più grande. 

Gli esemplari, che saranno allevati in bacini dislocati a terra, in Canada e a Panama (non negli Stati Uniti), saranno tutti femmine sterili. In questo modo si dovrebbero evitare fughe in mare aperto e, quand’anche ciò avvenisse, non sarebbe possibile la riproduzione dei salmoni geneticamente modificati.

Fonte: Il Fatto Alimentare →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sulle tavole arriva il salmone geneticamente modificato

Today è in caricamento