Martedì, 18 Maggio 2021
Stati Uniti / Stati Uniti d'America

I tre uomini accusati di omicidio scagionati dopo 24 anni di prigione

Il caso a New York, negli Stati Uniti: George Bell, Gary Johnson e Rohan Bolt erano accusati di aver ucciso un poliziotto fuori servizio e un negoziante nel 1966. Gli avvocati avevano omesso delle prove che avrebbero fatto cadere i capi di imputazione

Foto di repertorio Ansa

Dopo aver trascorso 24 anni e alcuni mesi in carcere, tre cittadini afroamericani sono stati finalmente scagionati dall'accusa di aver ucciso un poliziotto fuori servizio e un negoziante durante una rapina a New York nel 1966. 

Come riporta il New York Times, i tre sono stati messi in libertà dopo che la corte suprema della contea di Queens ha stabilito che i loro avvocati avevano "deliberatamente omesso" prove che li avrebbero scagionati, mentre l'accusa aveva soppresso informazioni sulla possibilità che altri avessero commesso il delitto. Il loro arresto e la condanna erano stati salutati con enfasi dall'allora sindaco Rudy Giuliani, impegnato nel contrasto alla criminalità.

George Bell e Gary Johnson, avevano allora rispettivamente 19 e 21 anni, lavoravano come commessi ed erano incensurati. Entrambi confessarono il delitto, ma ora i loro avvocati hanno dimostrato in tribunale che furono sottoposti "ad interrogatori coercitivi". Le "false confessioni" estorte contenevano dettagli non corrispondenti alla realtà dei fatti. Il terzo condannato, Rohan Bolt, padre di quattro figli, aveva 35 anni ed era proprietario di un ristorante caraibico. Non conosceva affatto gli altri due e si è sempre proclamato innocente.

Fonte: New York Times →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I tre uomini accusati di omicidio scagionati dopo 24 anni di prigione

Today è in caricamento