rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024

Gli scarichi in mare e fiumi ci costeranno cari: da Bruxelles multe per 1 miliardo di euro

Quattro italiani su dieci scaricano nei fiumi e in mare. In arrivo una maximulta da Bruxelles. Situazione critica nel Mezzogiorno ma la maglia nera è per il Friuli Venezia Giulia

Arriverà presto da Bruxelles l'ennesima sanzione per il nostro Paese, ma stavolta le ragioni riguardano l'acqua. Perché in Italia ben il 36% dei cittadini scarica direttamente in fiumi e mari: troppo lontani dagli standard europei e tutto questo potrebbe costarci un miliardo di maximulta.

In effetti rispetto al resto dei Paesi dell'Unione siamo messi male: siamo peggio di Repubblica Ceca, Spagna. Belgio, Francia, Austria, Finlandia, Lituania, Germania ed Olanda. Peggio di noi sono Slovenia, Portogallo ed Estonia.

Il mezzogiorno l'area più critica: la metà dei cittadini scarica senza nessun filtro. Ma a dispetto degli stereotipi la regione che per gli scarichi si aggiudica la bandiera nera è il Friuli Venezia Giulia: potrebbe arrivare da Bruxelles una multa di 66 milioni di euro, il doppio di quella della Calabria e sette volte quella della media nazionale.

Dopo il Friuli c'è la Valle d'Aosta, terza la Sicilia. Ma fiumi, laghi e mari sono gravemente inquinati dagli scarichi in tutto il nostro Paese. Tutto ciò è strettamente collegato al rischio idrogeologico, allo sviluppo delle infrastrutture idriche e all’adeguamento del sistema della depurazione delle acque e della bonifica delle discariche. Come ricorda una relazione della "Struttura" alla Camera, il nostro è uno dei Paesi più franosi del mondo:

486.000 delle 700.000 frane in tutta l’Ue sono in 5.708 Comuni italiani, 2.940 a livello di attenzione molto elevato

Fonte: Corriere.it →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli scarichi in mare e fiumi ci costeranno cari: da Bruxelles multe per 1 miliardo di euro

Today è in caricamento