Martedì, 26 Gennaio 2021

Schio, 21enne espulso dall'Italia: "Odiava l'occidente, era pericoloso"

Il giovane, originario del Senegal, avrebbe iniziato a covare la sua rabbia dopo essere stato espulso dalle giovanili dell'Hellas Verona

Immagine d'archivio

Un cittadino senegalese di 21 anni, Sall Mame Fily, è stato espulso dal suolo italiano in quanto ritenuto un soggetto instabile e potenzialmente pericoloso. Il giovane abitava nel Vicentino e, come riferiscono i quotidiani locali, da settimane era tenuto sotto controllo per aver dimostrato un forte interesse verso le armi da fuoco e le sostanze chimiche.

Secondo VicenzaToday, il 21enne avrebbe iniziato ad odiare la civiltà occidentale dopo essere stato estromesso dalle giovanili dell'Hellas Verona, un risentimento che lo aveva spinto a volersi procurare prima una sostanza per costruire ordigni esplosivi e poi un'arma. 

Sall aveva già manifestato il suo risentimento in un episodio accaduto il 13 febbraio del 2018, quando era stato sorpreso dai carabinieri con un coltello da cucina di oltre 13 centimetri mentre si stava allontanando dalla gelateria Balu di Schio dove l'aveva platealmente esibito pur senza minacciare nessuno.

Vicenza, espulso 21enne senegalese: "E' pericoloso"

Arrivato in Italia appena 13enne dalla Francia passando per Ventimiglia, Sall Mame Fily aveva ottenuto un permesso di soggiorno regolare nel vicentino - zona Schio - perché ospitato dagli zii. 

Una volta diventato maggiorenne aveva poi tentato la carriera calcistica nell'Hellas dove rimase due anni prendendo uno stipendio di 22mila euro all'anno. Quel lavoro gli aveva permesso di ottenere anche il ricongiungimento con la madre. Dopo essere stato estromesso dalla squadra, il senegalese aveva però iniziato a covare il suo risentimento verso l'occidente, complice il fatto che con la perdita del posto in squadra rischiava di vedersi revocare anche il permesso di soggiorno. 

Fonte: VicenzaToday →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schio, 21enne espulso dall'Italia: "Odiava l'occidente, era pericoloso"

Today è in caricamento