Venerdì, 18 Giugno 2021

Multe, la beffa per chi paga in anticipo: "Tutta colpa delle banche"

La regola che è entrata in vigore da due anni ha avuto effetti positivi, ma non mancano i problemi

Come tutti sanno, chi paga le multe entro 5 giorni dalla data di contestazione ha diritto a un forte sconto, il 30 per cento dell'importo dovuto. 

La regola che è entrata in vigore da due anni ha avuto effetti positivi, perchè molti automobilisti si affrettano a pagare per risparmiare qualche soldo. 

A Modena ad esempio il sistema è rodato si può saldare con bollettino postale, carta di credito, ma anche tramite bonifico bancario. 

C'è però un problema con i pagamenti via bonifico, come racconta il Resto del Carlino. Spesso gli automobilisti si vedono recapitare a casa la richiesta di integrazione dell’importo perché avrebbero pagato la multa oltre i 5 giorni prestabiliti. 

Il problema risiede nella data di inserimento del bonifico on line, nonché della valuta, ovvero i giorni che fanno fede nel calcolo del periodo in cui è possibile risparmiare sull’importo complessivo. Dov’è allora il corto circuito che fa stabilire all’ufficio riscossioni il pagamento in ritardo?

Serve una telefonata al comando di via Galilei con bonifico alla mano per svelare il mistero: dopo le dovute verifiche, l’operatore della municipale ribadirà la correttezza del sollecito, in quanto l’importo in forma ridotta risulta accreditato un paio di giorni oltre il termine stabilito. Basta però spiegare di avere la riba con valuta ‘in regola’ per scoprire che è stato erroneamente considerato il giorno di accredito sul conto della municipale e non la data dell’operazione, unica che fa fede nel conteggio.

Fonte: Il Resto del Carlino →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe, la beffa per chi paga in anticipo: "Tutta colpa delle banche"

Today è in caricamento