Martedì, 26 Gennaio 2021

Svolta nell'omicidio di Serena Mollicone: la conferma nella superperizia del Ris

Come racconta FrosinoneToday, le microtracce di legno rinvenute sul nastro adesivo che avvolgeva i polsi e le caviglie della ragazza appartengono alla porta dell'alloggio di servizio dove sarebbe stata aggredita e picchiata

Svolta nel caso di Serena Mollicone, la ragazza assassinata ad Arce nel 2001. Come riporta Angela Nicoletti su FrosinoneToday, "senza ombra di dubbio" la giovane "è stata aggredita, picchiata, stordita, legata mani e piedi nella caserma dei carabinieri di Arce". 

A confermare i sospetti degli investigatori  è stata la super perizia effettuata sui micro frammenti di legno rinvenuti, nel corso dell'autopsia volta a Milano, sotto il nastro adesivo che avvolgeva mani e piedi della diciottenne morta nel 2001.

I risultati degli accertamenti svolti dagli esperti del Reparto Investigazione Scientifiche sono stati consegnati al magistrato titolare dell'inchiesta, il sostituto procuratore Maria Beatrice Siravo che entro pochi giorni dovrà chiudere le indagini.

Omicidio Mollicone, test del Dna per i familiari degli indagati 

Cosa sia accaduto tra quelle quattro mura potrebbe restare sempre un mistero ma la Procura di Cassino e i carabinieri del comando provinciale di Frosinone e della Compagnia di Pontecorvo sono riusciti, dopo anni di indagini precise e meticolose, a ricostruire parte della vicenda. Cinque sono gli indagati per la morte di Serera: l'ex comandante della stazione di Arce, Franco Mottola, la moglie Anna, il figlio Marco, l'ex vice comandante della stazione, il luogotenente Vincenzo Quatrale e l'appuntato Francesco Suprano.

Fonte: FrosinoneToday →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Svolta nell'omicidio di Serena Mollicone: la conferma nella superperizia del Ris

Today è in caricamento