Mercoledì, 21 Aprile 2021

India, studentessa 14enne si ribella a un tentativo di stupro e viene bruciata viva

Prima di morire in ospedale, la ragazzina ha fatto i nomi dei due aggressori e la polizia li ha arrestati

Ancora un caso di brutale violenza in India. Una ragazzina di 14 anni è morta dopo essere stata bruciata viva da due ragazzi per aver cercato di resistere a uno stupro. È avvenuto in un villaggio del distretto di Bemetara di Chhattisgarn. Entrambi i ragazzi sono stati arrestati.

La ragazzina è stata portata in ospedale a Raipur, dove è arrivata con ustioni sull'80 per cento del corpo. Prima di morire ha fatto i nomi dei suoi aggressorri alla polizia e ha dichiarato che i due, poco più grandi di lei, venivano dal suo stesso villaggio e avevano cercato di violentarla; quando lei ha reagito, si sono infuriati e le hanno dato fuoco in mezzo ai campi.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, lunedì 22 giugno la ragazzina si trovava a poca distanza da casa quando è stata avvicinata dai due giovani. Approfittando del fatto che non ci fosse nessuno intorno a loro in quel momento, i due avrebbero tentato di violentarla. La 14enne avrebbe resistito con tutte le proprie forze e a quel punto le avrebbero dato fuoco, per evitare che andasse a denunciare alla polizia il tentato stupro.

Quando i genitori della ragazzina sono tornati a casa si sono preoccupati non trovandola. Sono usciti quindi a cercarla e l'hanno trovata poco lontano, in stato di incoscienza e con numerose ustioni sul corpo. La ragazzina è deceduta nella tarda mattinata di mercoledì e poco dopo i due ragazzi da lei accusati sono stati arrestati.

Fonte: Times of India →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

India, studentessa 14enne si ribella a un tentativo di stupro e viene bruciata viva

Today è in caricamento