rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024

"Così sono entrato a San Pietro con un coltello in tasca"

"Sicurezza colabrodo", racconta il quotidiano Libero. Il vicedirettore Franco Bechis è riuscito a passare attraverso i varchi della polizia in Vaticano

ROMA - Dopo i fatti di Parigi e nei giorni dell'allerta attentati - con i jihadisti dell'Isis che minacciano Roma e il Vaticano - il quotidiano Libero ha voluto testare i sistemi di sicurezza a San Pietro.

Risultato? Il vicedirettore Franco Bechis è riuscito ad entrare all'interno della basilica di San Pietro con un coltello da cucina affilato, "in grado di ferire o uccidere qualcuno se a brandirlo fosse stato un terrorista. Il coltello aveva la lama in ceramica, ma nella sua struttura erano presenti materiali ferrosi".

Bechis, con quel coltello in tasca, è regolarmente passato ai varchi gestiti dalla polizia ed è entrato nella Basilica. Il giornalista ha girato un video per testimoniare come nel cuore della cristianità i controlli non sono serrati come ci si aspetterebbe. La conclusione è amara:

Questo video è stato girato nella speranza di aiutare le forze dell'ordine ad aumentare il livello di guardia come sembra necessario

Fonte: Libero →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Così sono entrato a San Pietro con un coltello in tasca"

Today è in caricamento