rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
Start, la rassegna stampa di Today.it

Abigail libera, la scelta di Turetta, stupro di gruppo a Genova, aumentano le pensioni, l'Italia senza sangue e le altre notizie da sapere per iniziare la giornata

Start, la rassegna stampa di Today.it: edizione di lunedì 27 novembre 2023. Le notizie del giorno

Buongiorno dalla redazione di Today. Ecco Start, le notizie da sapere per iniziare la giornata: è lunedì 27 novembre 2023.

ABIGAIL LIBERA. Rilasciata da Hamas anche Abigail Idan, la bimba di 4 anni diventata uno dei volti della tragedia del 7 ottobre: la madre era stata uccisa fra i primi al kibbutz Kfar Azza, nel soggiorno di casa sua. Lei era corsa dal padre, che le aveva fatto scudo con il suo corpo, venendo falciato dai proiettili. Il fratello e la sorella maggiori erano riusciti a nascondersi in un armadio e sono sopravvissuti. Regge la tregua, continua come da accordi il rilascio di ostaggi e il cessate il fuoco potrebbe essere esteso, dopo il 29 novembre, fino a un massimo di dieci giorni: un giorno di stop per 10 ostaggi liberi, più 3 palestinesi rilasciati per ogni israeliano. Un riavvio dei combattimenti aumenterebbe le probabilità che gli ostaggi ancora a Gaza rischino la vita e la pressione internazionale su Israele aumenta.

DONNE IN PIAZZA, GOVERNO NO. Tra i leader dei principali partiti, solo la segretaria Pd, Elly Schlein, ha partecipato alla manifestazione contro la violenza sulle donne organizzata a Roma da Non Una Di Meno, che ha visto mezzo milione di persone scendere in piazza. Tutti gli altri hanno scelto di non farsi vedere, probabilmente perché in disaccordo con la piattaforma che affrontava vari temi e che consideravano "troppo filo-palestinese". Forse mettere da parte per un pomeriggio la guerra sarebbe stato possibile, c'è un femminicidio ogni tre giorni in Italia. E' un'emergenza. L'elemento politico rilevante qui, secondo vari osservatori, è che Giorgia Meloni è apparsa, più che prudente, quasi sentimentalmente sconnessa rispetto a una rottura emotiva senza precedenti nel Paese innescata dall'omicidio di Giulia Cecchettin.

LA SCELTA DI TURETTA. In carcere a Verona Filippo Turetta, arrestato per l'omicidio dell'ex fidanzata Giulia Cecchettin, è detenuto nel reparto di infermeria, isolato dai detenuti "comuni", in stanza con un compagno di cella più anziano, in regime di "grande sorveglianza" per il pericolo che possa far male a se stesso o subire aggressioni da altri reclusi per le regole non scritte della vita dietro le sbarre. Già oggi potrebbe essere trasferito in un reparto protetto con altri 60 detenuti. Domani, martedì, ci sarà l'atteso interrogatorio di garanzia. Oggi vedrà il suo legale per delineare la strategia difensiva. Non è chiaro se deciderà di parlare, di rispondere alle domande del gip e della procura, riempiendo così i buchi rimasti nella ricostruzione del massacro di Giulia, o se si trincererà di qui in avanti nel silenzio. Se gli saranno contestate aggravanti come premeditazione e motivi abietti rischia l'ergastolo. Intanto nuovi dettagli vengono a galla nell'inchiesta, come il ritrovamento vicino al corpo di un libro per l'infanzia.

AUMENTANO LE PENSIONI. Assegni pensionistici più alti a dicembre per oltre 21 milioni di italiani. Il decreto Anticipi prevedeva il conguaglio dell'adeguamento a novembre. Poi il testo ha posticipato la data dei versamenti aggiuntivi al 1° dicembre, con pagamenti secondo normale calendario Inps. L'aumento per "pareggiare" l'inflazione effettiva del 2022 (+8,1%) sarà dello 0,8%. Previsto anche il pagamento di tutti gli arretrati del 2023 (gennaio- novembre). Tre motivi per cui le pensioni saranno più alte, dunque: gli aumenti legati all'incremento dell'inflazione del 2022. Una tredicesima un po' più sostanziosa (+0,8%). A dicembre non saranno conteggiate le addizionali comunali e regionali, già pagate durante l'anno. In soldoni, l'aumento a dicembre va dai 57 euro lordi per chi ha una pensione di 600 euro (+4,80 euro al mese), ai 187 euro di chi riceve un assegno di 2.500 euro (+11 euro al mese).

COMPLOTTO SECONDO CROSETTO. "A me raccontano di riunioni di una corrente della magistratura in cui si parla di come fare a 'fermare la deriva antidemocratica a cui ci porta la Meloni'". L'intervista del ministro della Difesa Guido Crosetto diventa un caso politico. Le opposizioni chiedono che chiarisca in parlamento. "L'unico grande pericolo è quello di chi si sente fazione antagonista da sempre e che ha sempre affossato i governi di centrodestra: l'opposizione giudiziaria", ha detto il titolare della Difesa. "Una fake news", che "non ha alcun fondamento" e "fa male alle istituzioni", ha replicato il presidente dell'Anm. Il rilancio continuo di una guerra fra poteri sorprende, sembra un ritorno al passato, uno dei più riconoscibili tic rimasti dalla lunga era berlusconiana.

ITALIA SENZA SANGUE. Se non pagheremo più i medici specializzandi addetti alla raccolta sangue, la mettiamo a rischio in almeno metà dei centri italiani, che si appoggiano per i prelievi proprio agli pecializzandi. Un decreto dei ministeri di Economia, Salute e Università prevede che d'ora in avanti lavorino "a titolo gratuito e volontario". Urge chiarimento, andrebbe specificato che questa forma volontaria non sostituisce le altre, che in base a convenzioni con Università, centri di raccolta sangue e associazioni di volontariato si basano invece sulla retribuzione per la funzione svolta. L'allarme delle associazioni è circostanziato: in Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna, che si poggiano molto su queste convenzioni con i medici specializzandi, se loro se ne vanno a casa salta la raccolta sangue, creando gravi problemi soprattutto riguardo il plasma.

Vi segnalo inoltre, in breve:

ASILI NIDO. Il governo corre ai ripari dopo il maxi taglio di centomila nuovi posti negli asili nido, che nel nuovo Pnrr passano da 264.480 a 150.480. Numeri che cancellano la possibilità di centrare e superare il target europeo del 33% entro fine 2025 (oggi la copertura del servizio è pari al 28%). Scatta un piano d'emergenza per circa 20 mila posti con fondi nazionali. Poi altro bando da 900 milioni per aggiungere nuove classi.

STUPRO DI GRUPPO. A Genova una giovane studentessa liceale ha denunciato uno stupro di gruppo: era stata attirata in una casa da quattro amici che le avevano prospettato di partecipare a una festa inesistente, poi l'orrore durato tutta la notte. Mesi e mesi di indagini. Indagati quattro coetanei.

KIMBERLY BONVISSUTO. Ancora nessuna traccia della ventenne di Busto Arsizio (Varese) scomparsa nel nulla da lunedì scorso. Telefono spento, nessun contatto con la famiglia o gli amici. A vuoto i ripetuti appelli della madre e del padre. Silenzio totale anche sui social, sui quali era attiva. Si valuta ogni pista, la procura ha aperto un fascicolo.

MESTIERI INTROVABILI. Tra gli under 30 le figure professionali più difficili da reperire in Italia sono idraulici, farmacisti, elettricisti nelle costruzioni civili e tecnici programmatori, secondo il bollettino annuale 2023 del sistema informativo Excelsior, targato Unioncamere-Anpal.

ELETTRICHE E CINESI. Byd, il rivale cinese, è pronto a sottrarre a Tesla di Musk lo scettro di primo costruttore mondiale di auto elettriche. Gli ultimi dati trimestrali, quelli di fine settembre, mostravano Tesla ancora in vantaggio per circa tremila unità ma molti analisti vedono il sorpasso entro il 31 dicembre.

PAPA FRANCESCO. Ancora malanni per Papa Francesco. Ieri ha recitato l'Angelus della domenica al caldo, in collegamento video da Santa Marta. Per lui terapia a base di antibiotici per flebo. Il cerotto con la cannula fissa è apparso sulla mano destra al momento della benedizione. Jorge Mario Bergoglio ha 86 anni.

COPPA DAVIS. Alle 20 e 26 di una domenica di novembre l'Italia rivince la Coppa Davis di tennis dopo 47 anni, trascinata dal campione di livello mondiale che mancava da tanti anni e che serve come il pane a tutto il movimento: Jannik Sinner. Battuta nella finale di Malaga l'Australia.

ANCORA PECCO. Pecco Bagnaia da Chivasso (Torino) ha vinto il Gran premio di Valencia della MotoGp, e si è laureato campione del mondo per il secondo anno consecutivo. La premier Meloni: "Orgoglio italiano". In F1, Max Verstappen chiude una stagione da schiacciasassi vincendo anche l'ultimo Gp.

Buona giornata, su Today.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abigail libera, la scelta di Turetta, stupro di gruppo a Genova, aumentano le pensioni, l'Italia senza sangue e le altre notizie da sapere per iniziare la giornata

Today è in caricamento