Domenica, 7 Marzo 2021

"Bisogna aumentare lo stipendio dei deputati"

La proposta dell'onorevole Rosato di Italia Viva: fermare il blocco degli aumenti dal 2022. "“Sarebbe ragionevole prorogare le misure soltanto fino alla fine della legislatura in corso"

Il Fatto Quotidiano racconta oggi di una curiosa proposta che viene dal deputato di Italia Viva Ettore Rosato, ovvero di fermare il blocco degli aumenti dal 2022. La storia è questa: a dicembre il collegio dei questori di Montecitorio ha proposto come da indirizzo ormai consolidato, di prorogare il blocco dell ’ammontare dell’indennità  parlamentare, dei rimborsi delle spese di soggiorno e per l’esercizio del mandato. Rosato, racconta Ilaria Proietti, si è allora mosso per scongiurare l’ipotesi che i tagli proseguissero oltre il 2022, col rischio di calmierare a oltranza i trattamenti economici dei deputati: quelli che subentreranno a partire dal 2023 o prima se la crisi di governo dovesse precipitare il Paese alle urne.

E così, quando si è trattato di approvare il bilancio triennale di Montecitorio, che vale fino alla fine naturale della legislatura, (oggi appesa a un filo per via del suo capo, Matteo Renzi), ha provato a giocare l’asso: “Sarebbe ragionevole prorogare le misure (di contenimento della spesa, ndr) soltanto fino alla fine della legislatura in corso, per tutelare l’autonomia decisionale dell’Ufficio di presidenza della legislatura successiva”.

Tradotto: già il prossimo anno potrebbero essere cancellate le misure di riduzione dell’indennità parlamentare introdotte fin dal 2011, così come lo stop alla sospensione dell’ad e gu amento dello stipendio in vigore dal 2006. E così gli stipendi dei deputati oggi ridotti alla miseria, si fa per dire, di circa 10 mila euro al mese, potrebbero tornare a lievitare d’un colpo a quota 15 mila. 

"Se si va al voto ci asfaltano": la trattativa Conte-Renzi per il governo si riapre?

Fonte: Il Fatto Quotidiano →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bisogna aumentare lo stipendio dei deputati"

Today è in caricamento