Lunedì, 20 Settembre 2021

Ancora scandalo sprechi, è il turno delle società partecipate: "Arrivano i tagli"

Una su quattro non rende e quindi anche per loro arriverà la scure della spending review. Così il ministro dell'Economia annuncia nuovi tagli, in vista della nuova legge di stabilità

Oltre il 27% delle società partecipate dallo Stato italiano non rende. Così si legge nello studio pubblicato sul sito Revisione della spesa e il commissario straordinario mostra i limiti del settore: su 5264 società censite ben 1424 ha un un rendimento sul capitale (Roe) negativo. I dati si riferiscono al solo 2012 per cui adesso bisognerà continuare lo studio per comprendere che cosa invece è successo fino al 2014.

Una situazione drammatica, visto che queste società più sono grandi, più sono in perdita: tra quelle con patrimonio fino a 10mila euro risultano non redditizie ben 67 su 130, tra quelle con patrimonio negativo compreso tra 10mila e 100mila euro viaggiano in rosso 337 su 1182. Per le partecipate con patrimonio compreso tra 100mila e un milione di euro sono in rosso 408 su 1162. Per quelle con patrimonio superiore a 1 milione hanno un Roe negativo 612 su 2290.

Sono 143 le società che presentano valori negativi, pari al 2,7% del totale. La maglia nera va alla Cmv, partecipata del comune di Venezia, con un patrimonio negativo per 20,3 milioni. Seconda e terza posizione invece per due partecipate della Capitale: Fiera di Roma viaggia a -15,7 milioni mentre Cotral a -14,9 milioni.

Tutto utile in vista della formulazione della nuova legge di stabilità, come spiega al Corriere della sera il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan:
 

La spending review sarà lo strumento guida nella formulazione della legge di Stabilità. Ed è chiaro che andrà coinvolto l’intero governo per identificare obiettivi di risparmio di spesa quantitativi, ma che permettano di preservare l’efficienza dei servizi pubblici.  Anche Regioni ed enti locali dovranno essere coinvolti in questo processo

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora scandalo sprechi, è il turno delle società partecipate: "Arrivano i tagli"

Today è in caricamento