Domenica, 20 Giugno 2021

La tassa sulle tv negli hotel per pagare le pensioni agli attori

Il balzello è stato imposto qualche mese fa dal governo per contribuire a finanziare l'Istituto mutualistico Artisti interpreti o esecutori. Gli albergatori dovranno pagare tra i 32 e i 181 euro all'anno

E' l'ultima tassa "sul turismo". Questa volta, però, non graverà sui vacanzieri, bensì sugli albergatori. E servirà a pagare le pensioni degli attori. Tutto vero. 

Gli albergatori italiani tra qualche giorno dovranno pagare l'equo compenso Imaie, un balzello imposto qualche mese fa dal governo, per contribuire a finanziare l'Istituto mutualistico Artisti interpreti o esecutori, ovvero l'ente che paga le pensioni agli artisti.

La cifra comunque non è elevata: a seconda delle stelle e del numero di camere gli albergatori pagherebbero tra i 32 e i 181 euro annui di Imaie.

Va però considerato che gli hotel pagano già canoni e abbonamenti maggiorati alle reti televisive: si parla, ad esempio di 1.018 euro l'anno per il canone Rai e di una cifra simile per l'abbonamento a Sky. 

Ovviamente gli operatori del settore non l'hanno presa bene. Angelo Berlangieri, presidente dell’Unione albergatori della provincia di Savona, si sfoga intervistata dalla Stampa

Il turismo è un’economia che genera circa il 10% del Pil nazionale e va trattata in modo serio. Le tv in camera sono uno dei tanti servizi di ospitalità alberghiera, non certo un fattore di competitività o di ritorno economico diretto o indiretto

Fonte: La Stampa →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La tassa sulle tv negli hotel per pagare le pensioni agli attori

Today è in caricamento