Giovedì, 29 Ottobre 2020

Tav e Tap, dall'Europa ultimatum all'Italia

Doppio monito della Commissione sulle grandi opere: l'Italia rischia di perdere i fondi per la linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione e sul gasdotto pugliese l'Ue non vuole modifiche

Tav e Tap, le due grandi opere infrastrutturali più contestati d'Italia tornano a riempiere le pagine di cronaca, ma anche le agende europee. Il commissario europeo ai Trasporti Violeta Bulc e il vicepresidente della Commissione Ue Maros Sefcovic redarguiscono il Governo e intimano a far presto, pena la perdita dei fondi Ue.

L'Alta velocità Torino-Lione

L'Unione Europea ha stanziato per la Tav Torino Lione 813 milioni di euro, ma l'Italia potrebbe perderli  se non verranno fatti passi avanti significativi. Come riporta Europa Today l'avvertimento è stato lanciato da Violeta Bulc, commissario europeo ai Trasporti, in un'intervista al quotidiano La Stampa. 

Bulc lascia capire che potrebbero esserci conseguenze sul finanziamento già stanziato: "Non è mia intenzione fare minacce perchè non credo sia utile. Ma certamente ci sono delle regole e noi faremo una valutazione di tutti i progetti finanziati dalla Ue. All'inizio del prossimo anno poi proporremo eventuali modifiche nelle dinamiche di finanziamento. Voglio comunque ribadire che siamo pronti a sostenere il progetto e impegnarci con tutti gli attori in gioco per fare in modo che i lavori vengano eseguiti in tempi ragionevoli. A oggi non ho dubbi, ma staremo a vedere". 

Gasdotto Tap in Puglia

Per quanto riguarda il gasdotto Tap che dovrebbe portare in Italia il gas del Mar Caspio, il monito a vincere le resistenze delle popolazioni locali e "far presto" arriva da un altro membro dell'Esecutivo comunitario, il  vicepresidente della Commissione Ue Maros Sefcovic.

Come riporta Europa Today il progetto del gasdotto è stato completato al 65% e si prevede l'apertura dei rubinetti dall'inizio del 2020. Per questo è impossibile cambiare le carte del progetto e modificare il punto di approdo ritagliato su Melendugno.

"Nemmeno una virgola può essere cambiata - ha sentenziato Sefcovic in una intervista al Messaggero - E' nostro obiettivo assicurare che il piano si trasformi in un'opportunità anche per la Puglia, in termini di crescita, di incremento dell'occupazione locale, di taglio delle emissioni derivanti dall'industria e dai trasporti. Stiamo studiando diverse misure per mettere la regione in prima linea nel progetto di decarbonizzazione a livello europeo"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: EuropaToday →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

-
Tav e Tap, dall'Europa ultimatum all'Italia
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...