Giovedì, 17 Giugno 2021

Sembrava influenza, invece aveva la peste: muore a 16 anni

Taylor era una giovane promessa del baseball. I primi sintomi della malattia sono stati scambiati per quelli di un'influenza, poi la drammatica scoperta

Taylor Gaes, una giovane promessa del baseball americano, è morto dopo aver contratto la peste.

Gaes, appena sedici anni, si è ammalato all’improvviso per quella che sembrava a tutta prima una semplice influenza. Poi, come ricostruisce The Inquisitr, la terribile diagnosi: peste setticemica, una forma più rara ma letale della malattia, generata da un’infezione nel sangue dopo la puntura di un parassita. La famiglia di Gaes possiede dei terreni ed è possibile che il ragazzo abbia contratto la peste dopo essere stato punto da qualche insetto entrato in contatto con un topo morto o altre carcasse animali. Il ragazzo ha accusato i primi sintomi lo scorso 8 giugno, il giorno dopo il suo 18esimo compleanno.

Le autorità hanno invitato chiunque avesse avuto contatti con il ragazzo o manifestasse sintomi sospetti a chiedere l’intervento dei medici. Inoltre, il Centro di Controllo per le Malattie ha diffuso una lista dei sintomi della peste setticemica. “I pazienti sviluppano febbre, brividi, debolezza, dolore addominali, traumi, sanguinamento dal naso e emorragie. La pelle e gli altri tessuti potrebbero entrare in cancrena, soprattutto quelli di mani, piedi e naso. La peste setticemica può presentarsi come primi sintomi della peste vera e propria, oppure svilupparsi in seguito a peste bubbonica non trattata”.

Amici e parenti si sono riuniti in una fiaccolata per ricordare il giovane e sfortunato Taylor. 

Fonte: The Inquisitr →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sembrava influenza, invece aveva la peste: muore a 16 anni

Today è in caricamento