rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022

Teheran "censura" Buddha

In Iran non è più lecito esporre in pubblico statuette del Buddha

Le statue del Buddha sono divenute le ultime in termini di tempo ad essere bandite dai luoghi pubblici in Iran. Ne dà notizia il sito di al Arabiya sostenendo che sono state depennate dalla lista di ciò che è lecito esporre in pubblico, per la loro influenza occidentale o stranieri. In particolare, scrive l'emittente araba, le statue del Buddha sono state definite anch'esse simboli di "invasione culturale", da un funzionario della Protezione dell'eredità culturale iraniana, Saeed Jaben Ansari, citato da un quotidiano indipendente iraniano. Con la messa al bando dei Buddha, il cui scopo è di bloccare la diffusione del buddismo, è la prima volta che il governo di Teheran dichiara guerra ad un un simbolo orientale.

Un anno fa anche i Simpson erano finiti nel mirino del governo iraniano, che li aveva banditi dal Paese nell'ambito di una campagna contro i valori e i simboli della cultura occidentale.
Nella stessa occasione, Superman e Spiderman furono promossi in quanto, considerati eroi degli "oppressi". La prima a fare le spese di questa campagna contro era stata la bambola Barbie nel 1996 : fu definita "un cavallo di Troia" che fornisce alle bambine modelli femminili "sbagliati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teheran "censura" Buddha

Today è in caricamento