Mercoledì, 3 Marzo 2021

Non accetta la fine della storia e tenta di dare fuoco alla ex fidanzata: arrestato

Ai domiciliari un ragazzo 22enne di Tricase, in provincia di Lecce. E' accusato di tentato omicidio

Foto di repertorio

Durante una lite ha tentato di dar fuoco alla sua ex fidanzata con liquido infiammabile ma la prontezza di riflessi della donna glielo ha impedito. E' accaduto a Tricase, in provincia di Lecce, dove i carabinieri, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale del capoluogo slentino, hanno arrestato un giovane di 22 anni, C.S., accusato di tentato omicidio, danneggiamento e lesioni continuate.

Come confermato da LeccePrima, il fatto risale al 30 aprile di quest'anno. Le indagini sono partite dalla denuncia-querela presentata dalla vittima, dopo il tentativo di omicidio subito in un appartamento della zona denominata 167 di Tricase. Alla base dell'accesa discussione la decisione della donna di mettere fine alla relazione sentimentale con il ragazzo a causa del carattere violento di quest'ultimo. Il giovane avrebbe minacciato che le avrebbe dato fuoco se non fosse tornata sui suoi passi. Quindi, dopo essersi momentaneamente allontanato, sarebbe rientrato nell'abitazione munito di una bottiglietta contenente del liquido infiammabile che lo stesso avrebbe versato sulla gamba della donna, tentando di innescarla con la fiamma di un accendino. La donna è riuscita a fuggire.

Nella circostanza della fallita aggressione l'uomo, non pago dell'esito della vicenda, avrebbe sversato parte del liquido sulla finestra della camera da letto della donna, per poi innescarlo provocando lievi danni all'infisso. I militari in seguito infatti nel sopralluogo tecnico scientifico hanno sequestrato la bottiglietta che presentava tracce di liquido infiammabile.

A seguito degli approfondimenti investigativi (sentiti anche altri testimoni oculari fra cui il padre della ragazza anch'egli minacciato dal giovane nella stessa occasione, e vagliate le documentazioni sanitarie), i militari della Stazione di Tricase hanno raccolto ulteriori elementi di reità per il ventiduenne, pienamente condivisi dall'Autorità Giudiziaria di Lecce, che era stato peraltro responsabile di precedenti comportamenti violenti come segnalato dalla parte offesa in sede di denuncia del 30 aprile e mai rappresentate prima. L'uomo si trova ora agli arresti domiciliari.

Fonte: LeccePrima →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non accetta la fine della storia e tenta di dare fuoco alla ex fidanzata: arrestato

Today è in caricamento