Lunedì, 8 Marzo 2021
La battaglia / Regno Unito

Stop alla terapia di conversione dall'omosessualità: la richiesta dal mondo della chiesa

Sono 370 gli uomini di fede di varie confessioni che hanno chiesto di eliminare la pratica. Il prossimo Paese a bandirla potrebbe essere il Regno Unito

Una richiesta che molti potrebbero considerare strana ma che invece è un atto di umanità e civiltà. Sono 370 i leader religiosi di tutto il mondo che hanno chiesto il divieto della cosiddetta “terapia di conversione” per le persone omosessuali. La “terapia” ha lo scopo malsano di cambiare l'orientamento sessuale o l'identità di genere di una persona. Una vera e propria ondata di protesta contro questa pratica si è sollevata da rappresentanti religiosi di tutte le principali fedi del mondo. Una sollevazione senza precedenti che ha in testa uomini di fede che sostengono apertamente i diritti Lgbt. Tra questi ci sono figure di rilievo come l'arcivescovo sudafricano Desmond Tutu e l'ex rabbino capo d'Irlanda David Rose.

La svolta nel Regno Unito

Tra coloro che hanno firmato una dichiarazione che verrà presentata mercoledì è stata firmata anche dal vescovo anglicano di Liverpool, Paul Bayes. La dichiarazione verrà presentata dal Foreign Commonwealth and Development Office (Fcdo). L'obiettivo è quello di far riconoscere anche al Regno Unito il divieto della pratica. Una pratica che è già stata vietata in Svizzera, Australia, Canada e Stati Uniti. Il Regno Unito potrebbe essere il prossimo Paese a farlo. Gli ultimi due primi ministri hanno promesso che avrebbero vietato la terapia ma al momento nessuna decisione è stata presa in merito. Dal punto di vista legislativo ci sono però dei dubbi sulla definizione di terapia di conversione. Nel mondo Lgbt le persone transgender si sottopongono spesso a terapia, ma per capire la loro reale identità. I limiti che potrebbe porre la legge, in realtà, potrebbe anche provocare dei danni proprio alle persone che ricorrono a un supporto psicologico.

Il problema della definizione legale

“Se il governo finalmente vieta la terapia di conversione, deve essere chiaro su cosa significa, perché potrebbe fare più male che bene. Soprattutto per l'assistenza sanitaria trans” ha spiegato un terapeuta britannico. Un sondaggio del 2018 su 108mila membri della comunità Lgbt nel Regno Unito ha suggerito che il 2% si è sottoposto alla pratica, mentre a un altro 5% è stato offerto. Molte fedi globali, tra cui cristianesimo, islam ed ebraismo, hanno tradizionalmente insegnato che qualsiasi sesso al di fuori del matrimonio eterosessuale è sbagliato. Per questo molte persone osservanti si sono sottoposte alla pratica per provare ad “aggiustarsi”. Un passo avanti da parte delle confessioni religiose in questo senso potrebbe essere fondamentale per salvare la vita a migliaia di persone.

Fonte: Bbc →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop alla terapia di conversione dall'omosessualità: la richiesta dal mondo della chiesa

Today è in caricamento