Truffa del bancomat, decine di casi: così colpiscono "via telefono"

In pratica si finisce per versare allo sportello bancomat del denaro che si è convinti di ricevere. Le segnalazioni sarebbero numerose: ecco come funziona

Foto di repertorio ANSA

L'hanno ribattezzata "la truffa del bancomat": ad Alghero (Sassari) sarebbero decine le vittime, spesso non giovani, ma essendo un raggiro che avviene via web e telefono, è possibile che in molti ci siano cascati anche altrove. L'ultima vittima ha visto volatilizzarsi 500 euro, ma ci sarebbe chi ha perso migliaia di euro.

In pratica si finisce per versare allo sportello bancomat del denaro che si è convinti di ricevere. Avviene così: una persona mette in vendita un oggetto su uno dei popolari siti di compravendita online.  Nell'ultimo caso, una cameretta. Un finto acquirente, dopo avere contattato la vittima dichiarandosi di essere interessato all’acquisto, persuade il venditore a recarsi presso uno sportello bancomat al fine di ottenere la somma pattuita.

Come funziona la truffa del bancomat

A quel punto l’acquirente, con artifizi e con una gran parlantina, convince la vittima a inserire la propria carta, entrare nella procedura di ricarica e digitare un codice numerico dettato telefonicamente dal compratore: il codice è quello di una carta prepagata, non certo quello del numero dell'ordine del prodotto come viene fatto credere a chi vende l'oggetto. La procedura in pochi secondi viene portata a termine. Poi la brutta sorpresa.

Sicura di aver ottenuto in questo modo l’accredito della somma spettante, la vittima dopo aver controllato il suo conto corrente, si rende conto di non aver ottenuto alcun accredito di denaro, bensì di essere rimasta vittima di una truffa da parte del finto acquirente, che riesce a farsi accreditare la somma, centinaia e a volte migliaia di euro, su una carta prepagata. A quel punto non resta altro che fare denuncia alle forze dell'ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come racconta oggi la Nuova Sardegna, gli uomini del commissariato sono al lavoro per individuare il truffatore o i truffatori.

Fonte: La Nuova Sardegna →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento