rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024

"Gli Usa hanno ucciso un pericoloso terrorista"

L’operazione è stata confermata dal Pentagono, che non ha però confermato la morte di Belmokhtar, il quale già altre volte era stato dato per morto

Il capo jihadista Mokhtar Belmokhtar, legato ad al Qaeda e "mente" del sanguinoso sequestro in un impianto di gas algerino a In Amenas nel 2013, è stato ucciso in un raid americano in Libia. Lo ha annunciato il governo libico riconosciuto dalla comunità internazionale.

Il Pentagono ha indicato da Washington che Belmokhtar è stato obiettivo di un attacco mirato, ma non ne ha confermato la morte. "Noi continuiamo a valutare i risultati dell'operazione e forniremo ulteriori precisazioni al modo appropriato", ha affermato in una nota il colonnello Steve Warren, portavoce del Pentagono.

"Aerei americani hanno effettuato un'operazione che ha portato alla morte di Mokhtar Belmokhtar e di un gruppo di libici appartenenti a un'organizzazione terroristica, nell'est della Libia", hanno indicato le autorità libiche sulla propria pagina Facebook, aggiungendo che il raid era avvenuto "dopo consultazioni con il governo ad interim libico". Qualche ora dopo a Washington, il Pentagono ha annunciato che l'esercito americano ha effettuato un raid nella notte tra sabato e domenica contro un obiettivo terroristico legato ad al Qaeda in Libia. Nella regione, Washington ha dispiegato dei droni. 

Rifugio Bin Laden (Foto CNN)

Fonte: EuroNews →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Gli Usa hanno ucciso un pericoloso terrorista"

Today è in caricamento