Sabato, 15 Maggio 2021

Vandali e blasfemi: spaccano crocifisso, scoperti grazie a un video sui social

Succede a Lizzano in Belvedere, nel Bolognese. A compiere il raid un gruppo di giovani fra i 16 e i 19 anni, tutti senza precedenti di Polizia

Foto gruppo FB Lizzano in Belvedere Forever

Una "bravata" ripresa col telfonino e poi pubblicata sui social. A farne le spese una statua di Gesù Crocifisso che si trova nel comune di Lizzano in Belvedere, sull'Appennino della provincia Bolognese. La statua è stata fatta a pezzi da un gruppo di giovani che dopo qualche bicchiere di troppo, tra risate e bestemmie, hanno ripetutamente colpito l'icona in legno con una mazza. 

Sono stati i Carabinieri di Vergato a indagare e risalire agli autori dell'atto vandalico: si tratta di un gruppo di giovani fra i 16 e i 19 anni, tutti senza precedenti di Polizia, a Lizzano per l'estate. Alcuni di loro, ma non si sa quanti, sarebbero bolognesi. La vicenda ha suscitato molte reazioni in rete, dove sono state postate le immagini della statua distrutta: "Una vergogna" il commento più quotato. Statua che fra l'altro era già stata oggetto di un recente restauro. Alcuni sono già stati denunciati e uno di loro ha scritto una lettera nella quale chiede scusa. 

Il video è stato pubblicato oggi da 'Il Resto del Carlino' e quello che si vede è abbastanza chiaro, come anche lo stato di ebbrezza nel quale si trovano i componenti del branco: prima vengono spaccate testa e braccia del Cristo, poi la statua viene staccata dalla croce e poi le varie parti vengono lanciate qui e là. 

Fonte: Il Resto del Carlino →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali e blasfemi: spaccano crocifisso, scoperti grazie a un video sui social

Today è in caricamento