rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022

Caso Loris, Veronica Panarello lancia nuove accuse contro il suocero

L'indiscrezione pubblicata dal settimanale Giallo

"Mio suocero, oltre che per andare a fare lavori di idraulica, portava con sé Loris anche al mare. Un giorno, però, il bambino disse di non voler più andare con lui, assumendo atteggiamenti di repulsione nei suoi confronti". Il settimanale Giallo pubblica nuovi stralci dell'ultimo interrogatorio in carcere di Veronica Panarello.

Agli inquirenti Veronica avrebbe lasciato intendere che il nonno del piccolo Loris avesse degli strani atteggiamenti nei confronti del bambino. "Mio suocero rivolgeva strane attenzioni al piccolo Loris", titola infatti la rivista uscita ieri. Si tratta ovviamente di accuse tutt'altro che provate. Andrea Stival è infatti indagato come "atto dovuto" ma al momento non risultano elementi concreti a suo carico. 

Ecco le parole della mamma di Loris: "Nei primi giorni di luglio del 2014 sono stata ricoverata in ospedale… In quel periodo, al fine di evitare che Loris rimanesse per l’intera giornata a guardare la tv, abbiamo deciso di lasciarlo andare con il nonno, che doveva fare alcuni lavori… Andrea non vedeva in modo positivo la presenza del bambino, perché a suo dire parlava troppo. Ricordo che qualche giorno prima di Ferragosto, mio suocero chiamò Loris per farlo sedere accanto a lui. Il bambino, senza fornire alcuna motivazione, si rifiutò. A seguito di ciò Andrea, tra il serio e l’ironico, esclamò: “Con questa cosa piccola che ti ritrovi che devi fare?".

La donna ribadisce che in quel periodo il bambino "era nervoso" e non gradiva la presenza di suo nonno in casa tanto da arrivare a parlare anche con suo padre Davide di questa situazione.
 

Fonte: Giallo →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Loris, Veronica Panarello lancia nuove accuse contro il suocero

Today è in caricamento