Mercoledì, 25 Novembre 2020

Il video in slow motion che mostra quanto è importante la mascherina per combattere il coronavirus

Secondo gli esperti dell'Università di Washington con l'utilizzo del dispositivo potrebbero essere salvate 130mila vite umane. Il filmato che mostra come si muove la saliva a 1000 fps quando parliamo ad alta e bassa voce e quando tossiamo

L'utilizzo della mascherina potrebbe salvare centinaia di migliaia di vite fino a febbraio 2021. È quanto afferma uno studio americano che analizza l'impatto dell'utilizzo della mascherina da parte del popolo americano. A realizzarlo sono stati i ricercatori dell'Institute for Health Metrics and Evaluation dell'Università di Washington. Lo studio si basa su delle proiezioni statistiche che tengono conto di diversi scenari di utilizzo della mascherina. Il periodo di tempo preso in analisi va da settembre 2020 a febbraio 2021 e analizza le possibili morti che potrebbero avvenire in questo lasso temporale. Il primo scenario riguarda l'attuale stato delle misure restrittive utilizzate negli stati americani, parla della possibilità di oltre un milione di morti solo negli Stati Uniti. Questo calcolando anche che molti tra gli stati americani stanno “allentando” le misure restrittive. Nel caso in cui vengano reintrodotte delle restrizioni sociali, come lockdown per almeno sei settimane una volta arrivati a una certa soglia di decessi, i morti potrebbero ridursi a 511mila, sempre considerando lo stesso periodo di tempo.

I dati con l'utilizzo della mascherina 

Il dato più importante arriva dall'ultimo scenario: in questo caso si calcola l'incidenza che potrebbe avere l'utilizzo della mascherina. Se il 95% della popolazione la indossasse i decessi potrebbero calare a 381mila. Con l'utilizzo massivo della mascherina, esisterebbe una variazione di decessi di circa 130mila unità. Variazione che rimarrebbe consistente anche nel caso in cui la utilizzasse l'85% degli americani. In quel caso verrebbero salvate 96mila vita umane. Lo studio sull'importanza dell'utilizzo della mascherina nasce dalla constatazione che negli Stati Uniti, alla data dello scorso 21 settembre, solo il 49% si è detto utilizzatore della mascherina. Lo studio dell'Università di Washington è solo uno dei tanti studi che sono stati pubblicati negli ultimi tempi per dimostrare l'efficacia dell'utilizzo della mascherina. Esistono anche delle “dimostrazioni” in video dell'impatto che questo strumento può avere nella diffusione della saliva.

Il video che dimostra l'impatto della mascherina 

In particolare Gav di The Slow Mo Guys ne ha mostrato uno che fa vedere a 1000 fps come si muove la saliva quando parliamo ad alta e bassa voce e quando tossiamo, pubblicato a luglio sulla rivista medica Thorax. Ha poi fatto vedere lo stesso esperimento indossando la mascherina. L'impatto della protezione è impressionante e il video è stato mostrato anche in diretta ad Anthony Fauci, l'esperta americano scelto dal presidente per fronteggiare la pandemia. “Penso che quello che hai appena mostrato sia una bella dimostrazione graficamente dell'importanza di indossare maschere e rivestimenti per il viso.

Sappiamo ora che circa il 40-45% delle persone che sono infette non hanno alcun sintomo, eppure hanno il virus nel rinofaringe e sappiamo che una parte sostanziale delle infezioni viene trasmessa da qualcuno che non ha alcun sintomo. Quindi le persone hanno un'interpretazione comprensibile ma errata che l'unica volta in cui si trasmette l'infezione è quando si tossisce o si starnutisce su qualcuno. Quello che non apprezzano è che se stai parlando, anche se non parli ad alta voce - e se stai cantando, che è anche peggio del semplice parlare, hai queste particelle che escono che possono rimanere nell'aria per un periodo di tempo”. In totale la John Hopkins University calcola che al momento sono circa 224mila i cittadini americani morti a causa del Coronavirus.

Fonte: Mashable →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il video in slow motion che mostra quanto è importante la mascherina per combattere il coronavirus

Today è in caricamento