Bulli costringono 15enne a gesti erotici e diffondono il video: presi

Sono di Nardò i tre protagonisti dei una triste vicenda: i presunti responsabili rispondono anche di rapina e sequestro di persona

Foto di repertorio

Una pagina di cronaca triste per la città di Nardò. Due adolescenti arrestati, nella mattinata di oggi, con le accuse di sequestro di persona, tentata estorsione, violenza sessuale e pornografia minorile. Si tratta di un 15enne e di un 17enne, entrambi neretini, ritenuti responsabili di aver seviziato un altro minorenne, un concittadino di 15 anni. La vicenda nella mattinata del 21 novembre scorso, alle prime luci del giorno, quando tutti e tre – legati da una conoscenza superficiale - avrebbero dovuto e potuto trovarsi in un’aula scolastica.

Ma la vittima, quel martedì, a scuola non ci è mai arrivato. Come riporta LeccePrima, con un calcio e un pugno, infatti, è stato “convinto” a seguire i due aguzzini nel bagno pubblico di Nardò. E’ stato trattenuto per circa venti minuti, come i carabinieri hanno poi potuto appurare durante l’indagine, per essere maltrattato e picchiato. Chiuso nel bagno da uno dei due, mentre l’altro inerpicato sul muro divisore della toilette filmava la scena, è stato costretto a gesti di autoerotismo e a pronunciare frasi sotto la minaccia di altre percosse. Il tutto immortalato dal secondo ragazzino nel cellulare. Quel video, di due minuti, è stato divulgato in maniera virale tramite Whatsapp ai propri compagni di scuola, ma anche ad altri coetanei. E’ stato bloccato soltanto dopo la denuncia dei genitori della vittima, ma nessuno tra i ragazzini ha avuto il coraggio di segnalare quell’abuso.

Ma non è tutto. Oltre a tenerlo sotto sequestro nel bagno, uno dei due indagati ha sfilato il giubbotto alla vittima e si anche impossessato delle scarpe, cedendo le proprie. Per non far rincasare il 15enne scalzo. Per riavere i suoi capi d’abbigliamento, i due gli hanno chiesto una somma di 10 euro a testa, altrimenti non gli avrebbero restituito nulla. Lo sfortunato protagonista di questa vicenda ha fatto ritorno in famiglia visibilmente scosso, con alcune ferite sul braccio e al viso, che sono state poi giudicate guaribili nell’arco di circa 4 giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In un primo momento non è stato in grado di raccontare nulla in famiglia. E’ stata poi la madre di un altro coetaneo, dopo aver visto il video sul cellulare del proprio figlio, ad allertare la madre della vittima. Quest’ultima, assieme al marito, si è rivolta ai carabinieri di Nardò, guidati dal luogotenente Giuseppe Serio. I militari dell’Arma, assieme ai colleghi della compagnia di Gallipoli e coordinati dal capitano Francesco Battaglia, hanno avviato le indagini. Gli inquirenti si sono basati sulle dichiarazioni fornite dal malcapitato, ma anche sulle registrazioni effettuate da alcune videocamere installate a Nardò. I filmati hanno infatti ripreso i tre, nella mattinata dell’accaduto, entrare e poi riuscire dal bagno pubblico tetro dell’incubo subìto.

Fonte: LeccePrima →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento