rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022

La cannabis non è doping: "spinello libero" per gli atleti

La decisione è della Wada, agenzia mondiale antidoping: livelli di tolleranza alzati fino a 150 nanogrammi per millilitro. Cannabis ancora vietata ai Giochi Olimpici

La decisione è di quelle importanti, che fanno discutere. La Wada, agenzia mondiale antidoping, ha deciso che farsi uno spinello non è più vietato. La giustizia sportiva ha, infatti, dato il via libera all'uso "ricreativo" di sostanze altrimenti considerate dopanti. 

Le norme approvate concedono maggiore tolleranza sull'uso della cannabis da parte degli atleti, con la soglia di positività che sale di addirittura di dieci volte rispetto al limite attuale, arrivando a 150 nanogrammi per millilitro. 

L'uso di cannabis, invece, resta vietato ai Giochi Olimpici a causa dei suoi effetti calmanti che possono aumentare la disposizione al rischio. Diverse Federazioni, però, continuano a chiedere che la marijuana venga tolta dalla liste delle sostanza proibite perchè non produce alcun vantaggio per le performance atletiche. 

Fonte: Wada →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cannabis non è doping: "spinello libero" per gli atleti

Today è in caricamento