"Senza mascherine e distanze a dicembre in Italia 700 morti al giorno"

Le proiezioni di Worldometer sull'epidemia di coronavirus: "A Natale 40mila infetti"

Il Fatto Quotidiano oggi parla delle previsioni di Worldometer, il sito web più importante al mondo di dati statistici elaborati da sviluppatori e ricercatori, sull'epidemia di coronavirus Sars-CoV-2 in Italia:  i contagi con lo status quo potrebbero salire fino a 15mila al giorno già il primo novembre per arrivare oltre i 40mila nel mese di dicembre. Osservando la proiezione del numero di vittime significherebbe piangere di nuovo 700 persone al giorno prima del 2021. Una maggiore attenzione da parte di tutti, invece, potrebbe valere la metà di quei contagi a Natale e limitare il numero più triste di centinaia di morti. E c'è di più: 

“Il sito – spiega il virologo Andrea Crisanti – non tiene conto di eventuali misure restrittive o di ulteriori nuove aperture (come avrebbero potuto essere gli stadi), ma disegna tre scenari sulla base dei comportamenti individuali”. E gli scenari sono rappresentati da: una linea viola che è la proiezione epidemica in base allo status quo; una linea verde che prevede cosa succederebbe con cittadini ancora più rigorosi rispetto a mascherine, distanziamento e igiene; una linea rossa che indica il disastro provocato da un eventuale serio allentamento di ogni precauzione

.Le proiezioni di Worldometer sono note al Comitato tecnico scientifico che ieri si è pronunciato contro l’ipotesi di riapertura degli stadi al 25 per cento della capienza richiesta dalle Regioni, con l’e ccezi one del Lazio di Nicola Zingaretti e della Puglia di Michele Emiliano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E sono note anche al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, intervenuto al Festival dell ’Economia di Trento: “Dobbiamo dirlo a tutti, dobbiamo incrociare le ditta, attenzione: il fatto di riuscire a gestire la pandemia non significa che ne siamo fuori. Noi non siamo fuori dalla pandemia, nonostante ci siano ancora e per fortuna sparute espressioni di negazionismo. Siamo ancora in una condizione difficile, ma ragionevolmente, se riusciamo a rispettare le regole, potremmo gestirla riducendola quanto prima”

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento