Giovedì, 26 Novembre 2020

"Puglia, Liguria e Basilicata verso la zona rossa"

Secondo il Mattino le tre regioni rischiano la retrocessione già da venerdì 20 novembre. Il Veneto potrebbe diventare arancione

Secondo la gran parte dei giorni venerdì 20 novembre, quando si riunirà di nuovo la Cabina di Regia per l'emergenza coronavirus, non sono in programma cambiamenti o retrocessioni nel sistema delle zone rosse, gialle e arancioni inaugurato dal governo con l'ultimo Dpcm. Fa eccezione il Mattino, che invece pronostica la possibilità di finire in zona rossa per Puglia, Liguria e Basilicata. Mentre il quotidiano conferma che per uscire dalla zona rossa le regioni che oggi sono al suo interno dovranno aspettare la fine di novembre o gli inizi di dicembre. 

Possono invece peggiorare subito, e finire nella fascia conmaggiori chiusure alcune delle regioni attualmente in zona gialla. Come il Veneto che potrebbe passare ad arancione mentre Puglia, Liguria e Basilicata potrebbero finire in zona rossa.

La valutazione finale, prima delle feste di Natale, si farà il 3 dicembre quando scade il dpcm in vigore. La gara tra presidenti di regione è scattata proprio in vista di quell’appuntamento. Avere la regione ancora in zona rossa a ridosso delle festività è un problema che ogni presidente spera di non dover affrontare.

Intanto, anche se è presto per annunciare allentamenti nelle misure, anche palazzo Chigisi interroga su come riaprire il prossimo mese negozi, centri commerciali, bar e ristoranti senza compromettere gli sforzi fatti sinora e rischiare a gennaio nuove e ancor più rigide chiusure. Secondo Repubblica il punto è che stando a una parte dei 21 indicatori del ministero della Salute che stabiliscono le aree di rischio, la Puglia è ancora in zona arancione, visto che l'indice Rt è attorno a 1,44. "Il sistema al momento regge" dice Lopalco che poi però aggiunge: "È in corso di valutazione" l'ipotesi di ingresso della Puglia in zona rossa. Di certo c'è che le novità potrebbero arrivare venerdì prossimo quando saranno passati 15 giorni (indicati dal ministero della Salute per rivalutare il posizionamento) dalla definizione delle zone rosse in Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta e Calabria e delle zone arancioni in Puglia e Sicilia.

Perché le zone rosse nelle regioni dureranno fino a dicembre

Fonte: Il Mattino →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Puglia, Liguria e Basilicata verso la zona rossa"

Today è in caricamento