rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022

Zuckerberg sul Datagate: "Il governo Usa ha sbagliato"

L'amministratore delegato di Facebook, poi, assicura: Facebook sta spingendo per una maggiore trasparenza

Facebook contro gli Stati Uniti. O meglio, Zuckerberg contro Obama. O meglio, il fondatore del più popolare social network che critica il governo a stelle e strisce sul Datagate. Comunque la si voglia vedere, l'amministratore del maggiore fenomeno web ha preso pubblicamente posizione sul problema della violazione della privacy (che a dire il vero lo riguarda da vicino), affermando: "Ritengo che il mio lavoro sia tutelare chi usa Facebook e le informazioni degli utenti. Noi prendiamo seriamente il nostro ruolo. Il governo ha il compito di proteggerci e di proteggere la nostra libertà. Ritengo che non abbia fatto un buon lavoro nel bilanciare le due cose".

I SERVIZI SEGRETI AMERICANI CONTROLLANO IL 75% DEL TRAFFICO INTERNET

Zuckerberg pensa che gli americani meritino di sapere di più sui programmi del governo e assicura: Facebook sta spingendo per una maggiore trasparenza.

Fonte: Bloomberg →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zuckerberg sul Datagate: "Il governo Usa ha sbagliato"

Today è in caricamento