Mercoledì, 17 Luglio 2024
Incidenti domestici

I dispositivi anti soffocamento sono davvero utili?

Sui social appaiono ciclicamente gli spot di strumenti per liberare le vie aeree da un corpo estraneo. "Sono dispositivi non validati dalla scienza né certificati", precisa a Today.it il dottor Simone Gussoni, amministratore unico di Studio Gussoni Salute

Le ostruzioni delle vie aeree da corpo estraneo coinvolgono soprattutto i bambini fino ai 3 anni di età (che si approcciano alla conoscenza dell'ambiente circostante mettendo in bocca non solo gli alimenti ma anche svariati oggetti) e rientrano tra le principali cause di morte. Nel nostro Paese una persona a settimana muore per soffocamento, ma il problema - spiegano le Linee guida del Ministero della Salute - non è solo italiano: "Viene stimato che, in Europa, ogni anno, 500 bambini perdono la vita soffocati". Le manovre di disostruzione potrebbero salvare la vita. Anche perché, come spiega a Today.it il dottor Simone Gussoni, amministratore unico di Studio Gussoni Salute, "non c'è macchina in grado di eguagliare l'efficacia di un essere umano che interviene praticando la manovra di Heimlich".

Le "macchine" sono quei dispositivi anti soffocamento, pubblicizzati online, che riuscirebbero ad eliminare ogni residuo di cibo o corpo estraneo incastrato nelle vie respiratorie di bambini (o adulti). L'ultimo spot, in ordine di tempo, arriva da Shangai: prodotto dall’azienda Sonmol Tech, il dispositivo "Sonmol Choking Rescue Device" viene descritto così: "Se la persona non riesce a liberarsi in autonomia dall'ostruzione, questo strumento può aiutarla a tornare a respirare normalmente. Salvandole la vita".

Dopo aver guardato il video promosso su X, il dottor Gussoni illustra: "Ci sono alcune immagini poco chiare e che - se male interpretate - potrebbero indurre a gravi errori. Ad esempio, la bambina nel filmato sembra tossire nel tentativo di espellere la nocciolina. Una situazione simile rappresenterebbe un'ostruzione parziale delle vie aeree, e pertanto non sarebbe corretto né applicare le manovre di disostruzione tradizionali né usare altri dispositivi".

Dubbi su efficacia e sicurezza

Continua l'esperto: "Un ulteriore aspetto che mi fa dubitare dell'efficacia di questi strumenti è la difficoltà di poter posizionare correttamente la mascherina ad un paziente in stato di panico e distress respiratorio derivanti da una situazione di soffocamento". Per risultare efficace, infatti, la mascherina dovrebbe essere della misura corretta e aderire perfettamente al volto. C'è di più. "Le stesse manovre di rianimazione cardiopolmonare insegnate nei corsi Blsd (Basic life support and defibrillation, il primo soccorso con l'impiego di defibrillatore semiautomatico) e Pbls-d (Pediatric basic life support defibrillation, permette di apprendere conoscenze e abilità inerenti l'uso del defibrillatore semiautomatico nel bambino in arresto cardiorespiratorio) sono state modificate negli anni fino ad arrivare ad avere un operatore che, posizionato al capo della vittima, ha l'unica funzione di far aderire la mascherina facciale usando entrambe le mani".

Nessuna evidenza scientifica

Nel rimarcare "l'importanza di frequentare un corso di primo soccorso, di disostruzione delle vie aeree, di Blsd o Pbls-d", e che "se la vittima è in grado di tossire, piangere o emettere suoni non ha un'ostruzione completa delle vie aeree, e quindi va semplicemente stimolata a tossire, senza applicazione di pacche intercostali o di altre manovre manuali", il dottor Gussoni sottolinea un aspetto decisivo: "Gli studi effettuati dalle case produttrici di dispositivi anti soffocamento sono basati quasi solo su dati ottenuti all'interno di "cadaver lab". Di conseguenza, testando questi strumenti su cadaveri e non in situazioni di reale emergenza con pazienti in vita".

Pertanto, conclude l'esperto, "fin quando non saranno disponibili evidenze derivanti da studi validati e pubblicate su riviste scientifiche a favore dell'uso di questi dispositivi, non è possibile raccomandarne il loro utilizzo come tecniche standard di disostruzione delle vie aeree".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I dispositivi anti soffocamento sono davvero utili?
Today è in caricamento