Martedì, 19 Gennaio 2021
I numeri

Il lockdown ha davvero "cancellato" morbillo e rosolia in Italia?

La pandemia di Covid-19 avrebbe avuto un ruolo nella frenata della diffusione di morbillo e rosolia in Italia. Dal 1 gennaio al 31 ottobre 2020, solo 101 casi di morbillo (incidenza 3,3 casi per milione), di cui 52 a gennaio, 40 a febbraio e 9 a marzo. Zero da aprile in poi

Pochi casi, pochissimi. La pandemia di Covid-19 e il lockdown potrebbero aver avuto un ruolo nel frenare la diffusione di morbillo e rosolia in Italia. Dal 1 gennaio al 31 ottobre 2020, infatti, sono stati segnalati da 12 Regioni in tutto 101 casi di morbillo (incidenza 3,3 casi per milione), di cui 52 a gennaio, 40 a febbraio e 9 a marzo. Mentre non sono stati registrati casi da aprile in poi. Lo si legge nel report della Sorveglianza integrata di morbillo e rosolia, stilato dal Reparto di epidemiologica, biostatistica e modelli matematici dell'Istituto superiore di sanità. Quanto alla rosolia, i casi dal 1 gennaio al 31 ottobre sono stati 12 (di cui 9 nel mese di gennaio e 3 nel mese di febbraio), da 6 Regioni.

Nessun caso di morbillo in Italia da aprile 2020

Due tabelle del report (le trovate di seguito nell'articolo), che 'fotografano' l'andamento delle due malattie infettive mese per mese nel nostro Paese dal 2013, evidenziano in modo netto la frenata dei casi legata alla pandemia. Basti pensare che nel 2013 sono stati segnalati 2.270 casi di morbillo, 1.695 nel 2014, 256 nel 2015, 862 nel 2016, ben 5.397 nel 2017, 2.681 nel 2018, 1.627 nel 2019 e appena 101 quest'anno. Più in dettaglio, nel 2020 l'età mediana dei casi di morbillo è 33 anni; sono stati segnalati 5 casi in bambini con meno di un anno. Inoltre sono stati segnalati 12 casi tra operatori sanitari e 2 tra operatori scolastici.

Il 93% dei casi per cui è noto lo stato vaccinale era non vaccinato al momento del contagio, e il 26% dei casi ha sviluppato almeno una complicanza.Il 56,4% dei casi è stato ricoverato e un ulteriore 16,8% si è rivolto a un Pronto soccorso. Quanto al territorio, il 76,5% dei casi (75) è stato segnalato in 3 regioni (Puglia, Lazio e Emilia Romagna). L'incidenza più elevata è stata riportata in Puglia.

Dall'inizio del 2013 sono stati segnalati in Italia 272 casi di rosolia (possibili, probabili e confermati) di cui 65 nel 2013, 26 nel 2014, 27 nel 2015, 30 nel 2016, 68 nel 2017, 21 nel 2018, 23 nel 2019 e 12 nel 2020 (tutti tra gennaio e febbraio). Il 29% dei casi è stato confermato in laboratorio. Da gennaio a ottobre 2020, 6 Regioni (Piemonte, Lombardia, Pa Trento, Lazio, Campania e Sicilia) hanno segnalato i 12 casi, con un'età mediana di 33 anni (range 1-56 anni).

morbillo in italia 2020-2

Il morbillo e la rosolia sono malattie esantematiche virali

Il morbillo e la rosolia sono malattie esantematiche virali altamente contagiose, prevenibile con la vaccinazione. Per entrambe queste malattie esistono nel nostro Paese, obiettivi di eliminazione, delineati da tempo nel Piano nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita. Accanto a misure mirate ad incrementare le coperture vaccinali per due dosi del vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia (MPR), l’eliminazione di morbillo e rosolia richiede sistemi di sorveglianza ad elevata sensibilità e specificità per individuare tempestivamente i casi sporadici e i focolai, capire i motivi della trasmissione, identificare i gruppi di popolazione a rischio, attivare rapidamente una risposta di sanità pubblica, monitorare l’incidenza e misurare e documentare i progressi raggiunti nell’eliminazione. Morbillo e rosolia hanno una sintomatologia simile e colpiscono le stesse fasce di età. È dunque clinicamente ed epidemiologicamente corretto, oltre che costo-efficace, effettuare una sorveglianza integrata delle due malattie.

Gli obiettivi del Piano nazionale per l’eliminazione di morbillo e rosolia 2019-2023 sono i seguenti:

  • Eliminare il morbillo endemico (incidenza <1 caso di morbillo/1.000.000 popolazione)
  • Eliminare la rosolia endemica (incidenza <1 caso di rosolia/1.000.000 popolazione)
  • Mantenere l’incidenza della rosolia congenita a meno di 1 caso per 100.000 nati vivi.rosolia italia 2020-2
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il lockdown ha davvero "cancellato" morbillo e rosolia in Italia?

Today è in caricamento