rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Il parere degli esperti

"Il vaccino protegge dal virus più dell'infezione naturale"

A questa conclusioni sono giunti due diversi studi pubblicati di recente, ma il tema resta dibattuto

L'immunità indotta dal vaccino è più protettiva di quella sviluppata dopo l'infezione da Sars-Cov-2. A dirlo è uno studio ideato e realizzato dall'Istituto Europeo di Oncologia (IEO) e finanziato dalla Fondazione Guido Venosta.

Tra i circa 2000 soggetti che sono stati vaccinati, si legge, sono stati identificati solo 30 casi di infezione (1,5%), che in tutti i soggetti si è presentata con una sintomatologia minima e capacità di contagio molto limitata per carica virale e durata. Analizzando in dettaglio i 30 casi di infezione post-vaccino, è emersa una correlazione con la mancata o inefficiente risposta anticorpale al vaccino: 3 casi erano soggetti che non avevano sviluppato anticorpi in risposta al vaccino, mentre il 74% degli altri casi erano soggetti con livelli di anticorpi più bassi rispetto all'intero gruppo dello studio. Secondo i ricercatori,  l'infezione dopo vaccino è stata contratta dai soggetti con i livelli più bassi di anticorpi (sull'utilità dei test sierologici per valutare la protezione offerta dai vaccini però ci sono opinioni contrastanti). 

In ogni caso, la frequenza di infezione nei soggetti che hanno sviluppato anticorpi dopo la vaccinazione è stata significativamente più bassa (1.5%) rispetto ai soggetti vaccinati che non hanno sviluppato anticorpi (5,7%), ma in entrambi i casi più bassa rispetto ai soggetti non vaccinatiche hanno contratto una infezione naturale (9%). Secondo gli stusiosi dunque il vaccino induce una immunità più forte rispetto all'infezione naturale. 

Perché il vaccino protegge più dell'infezione: la spiegazione della biologa

E che il vaccino sia più protettivo lo pensa anche la biologa Barbara Gallavotti che la settimana scorsa aveva affrontato il tema a "DiMartedì", su La7. "Gli studi sono nettamente a favore del vaccino", aveva detto la biologa citndo una ricerca delle autorità sanitarie americane su un campione di persone ricoverate per Covid, divise tra vaccinate e precedentemente contagiate. "Fra i due gruppi analizzati, è risultato che il vaccino protegge dal rischio di ricovero ospedaliero almeno cinque volte più della pregressa infezione. E, nel gruppo di persone che hanno più di 65 anni, il vaccino proteggerebbe 20 volte di più".

Riguardo al risultato dello studio, spiegava ancora Gallavotti, se il vaccino a mRna "insegna al nostro organismo a produrre molte copie identiche di un unico anticorpo, un anticorpo altamente in grado di neutralizzare il virus", in caso di infezione invece "in genere l'organismo si confronta col virus intero, e quindi produce un 'cocktail' di anticorpi. E questo cocktail dipende un po' dalle caratteristiche dell'organismo stesso e dal modo in cui si è sviluppata l'infezione". Il tema resta comunque dibattuto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il vaccino protegge dal virus più dell'infezione naturale"

Today è in caricamento