Giovedì, 28 Ottobre 2021
Salute

Tatuaggi e inchiostri "potenzialmente pericolosi": che cosa hanno scoperto i Nas

I controlli dei carabinieri del Nas (Comando carabinieri per la tutela della salute) sugli inchiostri per tatuaggi hanno portato al sequestro di 248 confezioni di tinture e pigmenti

Sempre alta l'attenzione dei Nas. I controlli dei carabinieri del Nas (Comando carabinieri per la tutela della salute) sugli inchiostri per tatuaggi hanno portato al sequestro di 248 confezioni di tinture e pigmenti. Il Comando carabinieri per la tutela della salute, d'intesa con il ministero della Salute, effettua un costante monitoraggio sulla regolarità e l'innocuità dei prodotti a base di inchiostro utilizzati per i tatuaggi in tutta Italia.

Tatuaggi e inchiostri "potenzialmente pericolosi": le ultime novità

I controlli sono stati effettuati in 117 aziende del settore, come centri di tatuaggio, importatori, produttori e distributori nazionali di pigmenti, prelevando nel contempo 100 campioni di inchiostri per tatuaggio, inviati ai laboratori per la ricerca di sostanze chimiche, quali ''ammine aromatiche'' e ''idrocarburi policiclici aromatici (Ipa)''.

Le analisi sui campioni, svolte dal laboratorio accreditato dell'Arpa Piemonte1, hanno rilevato "la non conformità di 22 campioni per presenza sopra i limiti di legge delle predette sostanze, considerate potenzialmente tossiche o cancerogene".

In seguito ai risultati analitici, il ministero della Salute ha disposto una serie di misure a tutti i soggetti appartenenti alla filiera (importatori, distributori ed utilizzatori): divieto di vendita e di utilizzo, ritiro/richiamo dalla rete commerciale, obbligo di informare i soggetti che si sono sottoposti a tatuaggio circa la pericolosità dei prodotti, mediante sistemi di rintraccio dei clienti o altri metodi ritenuti efficaci.

Tatuaggi sicuri: il problema sono carenze igieniche e inchiostri non idonei

Non è tutto. Durante i controlli sono state contestate 31 infrazioni nei confronti dei responsabili di esercizi commerciali e di centri di tatuaggio dovute a mancanze sulle autorizzazioni dei locali o degli attestati di formazione degli operatori, carenze igieniche e strutturali delle aree adibite all'applicazione del tatuaggio, detenzione di prodotti privi di etichettatura o contenenti sostanze ed inchiostri non idonei e privi delle necessarie garanzie di sicurezza, sequestrando 248 confezioni di tinture e pigmenti.

Il monitoraggio segue temporalmente un precedente servizio di controllo conoscitivo, svolto tra il 2014 ed il 2015 nell'ambito di un protocollo di collaborazione con il Dicastero della Salute e l'Istituto Superiore di Sanità, che aveva evidenziato 97 campioni di pigmenti per tatuaggi, su 318 oggetto di prelievo, con criticità relative alla sterilità dei prodotti.

Tatuaggi in Parlamento, i deputati "marchiati": c'è chi ne ha 9

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tatuaggi e inchiostri "potenzialmente pericolosi": che cosa hanno scoperto i Nas

Today è in caricamento