Venerdì, 26 Febbraio 2021

Andrea Crisanti: "Farò il vaccino ma non davanti alle telecamere"

Il microbiologo parla anche della variante inglese: con un R0 più elevato "la soglia dell'immunità di gregge sale all'80-85%"

Andrea Crisanti

La variante inglese del coronavirus rischia di alzare la soglia necessaria per arrivare all'immunità di gregge fissata dagli scienziati tra il 60 e il 70%. A lanciare l'allarme, ospite de "L'Aria che tira", su La7, è il noto microbiologo Andrea Crisanti direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell'Azienda ospedaliera di Padova e docente. "Se è vero che la variante inglese ha un R0 più elevato, la soglia dell'immunità di gregge sale all'80-85%". "Non ci sono elementi o giustificazioni per scegliere un vaccino o l'altro - ha poi precisato - I vaccini proteggono dalla malattia, ma non sappiamo se proteggano dall'infezione. Possono rendere le persone protette, ma portatori. Non credo che una persona vaccinata debba smettere di portare la mascherina o osservare determinate misure di distanziamento e di protezione". Crisanti torna anche sulle dichiarazioni rese a novembre: "Non ho espresso nessuno scetticismo sui vaccini, ho solo detto che sulla base dei dati avrei aspettato, ho espresso una posizione critica nei confronti della mancanza di trasparenza. Non ho mai, mai espresso una posizione critica nei confronti dei vaccini. Sono emersi dati, sono stati discussi con totale condivisione. Questo ha dato conforto alla comunità scientifica. Il clamore suscitato dalle mie parole era legato esclusivamente al provincialismo del dibattito", ribadisce. 

Crisanti: "Farò il vaccino ma non davanti alle telecamere"

Crisanti dunque si vaccinerà, ma lo farà senza clamore. Come un privato cittadino: "Non amo molto mostrarmi - ripete - la mia idea è fare il vaccino in santa pace come qualsiasi altro cittadino, senza le telecamere".  "Indipendentemente dalla tecnologia, un vaccino vale l'altro, in base alla protezione che offre" ha aggiunto il microbiologo. "Dobbiamo quindi prendere il vaccino che ci verrà dato. Una patente sanitaria è un elemento che distingue una persona dall'altra, in modo radicale. Diverso il discorso sulla protezione: ciò che ci interessa è capire se ci sarà anche protezione dal contagio, come è probabile che ci sia. Tuttavia dovremmo continuare ad assumere ed osservare tutte le norme in vigore, non tanto per sé ma per gli altri. Al 10 settembre, si prevede che il 70-75% di persone siano immunizzate ma attenzione: dobbiamo tener conto della variante detta (in modo improprio) inglese, perché avendo un Rt maggiore ci obbligherà ad avere una percentuale più elevata di immunità di gregge da raggiungere". 

Secondo il microbiologo, l'aumento dei contagi in Veneto non sembra comunque riconducibile alla nuova variante de coronavirus Sars-Cov-2. "La Regione ha sequenziato 36 sequenze complete e nessuna è emersa con la variante. Sono stati sequenziate delle piccole parti che condividono alcune mutazioni ma questo non vuol dire che siamo in presenza della variante come determinante del contagio. Anzi, il problema del Veneto è stato determinato dalla zona gialla e dalll'aver puntato tutto sui tamponi rapidi, che hanno sensibilità bassa e che hanno permesso al personale sanitario delle Rsa, screenato con tamponi rapidi, di contagiare nuovamente gli ospiti. Rispetto ai tanti test effettuati in Regione Veneto, come ha sostenuto il Presidente Zaia, bisogna dire che più tamponi si fanno, più si dovrebbero interrompere le catene di trasmissione. C'è sicuramente un nesso più test-più positivi: maggiore è il numero di test che effettui e maggiore sarà il numero dei positivi. Ma questo aumento proporzionale dura per un periodo, non può essere costante come invece sta accadendo. Pertanto l'aumento costante che leggiamo da diversi giorni è legato ai fattori evidenziati". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Andrea Crisanti: "Farò il vaccino ma non davanti alle telecamere"

Today è in caricamento