Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Scienze

I cani possono annusare il coronavirus?

Non ci sono evidenze scientifiche, ma tanti indizi suggeriscono che potrebbe essere proprio così

I cani riescono ad accorgersi se è in corso un’infezione da Sars-Cov-2? Secondo diversi team di ricerca che stanno portando avanti esperimenti in tutto il mondo, tutto lascia pensare che sia proprio così anche se non ci sono vere e proprie evidenze scientifiche di questa particolare capacità. Parliamo del resto di animali usati da sempre negli aeroporti per rilevare la presenza di droghe o materiali di contrabbando e che secondo alcune ricerche sarebbero capaci di individuare anche la malaria e alcune forme di cancro. Insomma, il fatto che i cani abbiano un olfatto straordinario è cosa risaputa e non in discussione. Ma il coronavirus? La rivista "Nature" racconta che dall’inizio della pandemia molti quattro zampe sono stati addestrati a rilevare la presenza del virus odorando il sudore delle persone infette. Il 3 novembre si è svolto un workshop chiamato International K9 Team in cui i vari team hanno convidiso i risultati delle loro ricerche. Tra gli scienziati coinvolti c’è anche Holger Volk, neurologo veterinario dell'Università di medicina veterinaria di Hannover in Germania, che ha parlato a Nature di “risultati molto promettenti” anche se - ha avvertito - “nessuno ha detto che i cani possono sostituire i tamponi molecolari”.

I cani che annusano il coronavirus negli aeroporti

Già da qualche mese però in alcuni aeroporti degli Emirati Arabi Uniti, della Finlandia e del Libano i cani sono stati utilizzati proprio per rilevare la presenza del virus tra i passeggeri.

E i risultati, pur senza il crisma della scientificità, sono stati sorprendenti. Riad Sarkis, chirurgo e ricercatore presso l'Università Saint Joseph di Beirut, fa parte di un progetto franco-libanese che ha addestrato 18 cani. I cani addestrati da Sarkis hanno sottoposto a screening 1.680 passeggeri riuscendo ad idenfiticare 158 casi di COVID-19 confermati poi dai test molecolari. Gli animali hanno rilevato correttamente il 92% dei casi positivi e il 100% di quelli negativi. Non solo: i cani avrebbero rilevato la presenza del virus anche in soggetti asintomatici o prima dell’insorgenza dei sintomi. Secondo gli esperti, se l’olfatto dei cani difficilmente potrà sostituire il tampone, ciò ciò non toglie che questi animali possano essere utilizzati in contesti dove è necessario sottoporre a screening molte persone in un tempo ridotto: gli aeroporti, ma anche le scuole o i centri commerciali.

Sulla capacità dei cani di annusare il coronavirus sono stati condotti vari studi, uno dei quali è stato anche pubblicato su Pubmed (altri sono in corso di revisione). I ricecatori hanno fatto annusare campioni di saliva di sette persone in ospedale con Covid-19 e sette persone sane ad otto cani addestrati: gli animali sono stati in grado di identificare l’83% dei casi positivi e il 93% dei negativi. Alcuni studiosi hanno però messo in dubbio la validità della ricerca in quanto avrebbe coinvolto un numero troppo esiguo di pazienti.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I cani possono annusare il coronavirus?

Today è in caricamento