Venerdì, 23 Luglio 2021
Animali

I cavalli capiscono i nostri sentimenti

La conferma arriva da un nuovo studio scientifico realizzato da un team di ricercatori dell'Università di Brighton

Robert Redfort in una scena del film "L'uomo che sussurrava ai cavalli"

I cavalli sono capaci di distinguere le espressioni facciali umane. Questo almeno sembra essere il risultato di un nuovo studio scientifico pubblicato su "Biology Letters", da un team di ricercatori dell'Università di Brighton.

Si sa che i cavalli sono animali tutt'altro che stupidi e da tempo si studia il loro modo di comportarsi, anche in relazione al rapporto con l'essere umano. In un articolo pubblicato su Focus.it, per esempio, si menzionano le capacità cognitive del cavallo e in particolare il fatto che sono in grado non solo di seguire le indicazioni umane, traendone vantaggio (ad esempio per raggiungere una carota nascosta sotto un secchio), ma di cambiare velocemente strategia se necessario e cioè quando l'indicazione fornita dall'essere umano non è essenziale (ad esempio se è possibile ottenere la carota più velocemente).

Forti di queste indicazioni, un gruppo di scienziati ha cercato di studiare se e come il cavallo percepisce le indicazioni dell'essere umano: sono stati condotti alcuni test su 28 cavalli a cui sono state mostrate le immagini di volti che esprimevano rabbia o felicità. In questo modo è emerso che quando i cavalli vedevano un volto arrabbiato aumentava la frequenza cardiaca e apparivano stressati, a differenza dei cavalli che avevano di fronte un viso sereno.

Nello studio è stato analizzato anche il modo in cui i cavalli reagiscono a tali espressioni facciali: di fronte al volte arrabbiato, i cavalli abbassano la testa e osservano l'immagine con l'occhio sinistro. Come scritto sempre su LeScienze.it, i cavalli tendono a elaborare gli stimoli negativi dall'emisfero cerebrale destro, che riceve segnali soprattutto dall'occhio sinistro.

Probabilmente la capacità di riconoscere le espressioni facciali e il loro significato può essere stata una strategia evolutiva per anticipare le mosse dell'essere umano e potrebbero essere dovute alla coevoluzione di migliaia di anni di convivenza tra cavalli e uomo.

Questi risultati sono molto interessanti, anche se bisogna stare attenti alle intepretazioni. Sono state infatti fatte misurazioni specifiche che noi associamo a stress, ma che potrebbero avere significati differenti. Sono infatti molti i casi in cui un comportamento animale viene malinterpretato perché lo analizziamo con gli occhi da umani: non è detto però che un comportamento corrisponda correttamente al sentimento dell'animale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I cavalli capiscono i nostri sentimenti

Today è in caricamento