rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Scienze

Pianeta infuocato, l'Onu: "Crisi climatica irreversibile, conseguenze devastanti"

Il panel scientifico dell’Onu sul cambiamento climatico lancia l'ennesimo allarme: "La finestra per ridurre l'aumento delle temperature globali a 1,5 gradi si sta assottigliando sempre di più, le conseguenze saranno catastrofiche"

Il punto di non ritorno sul clima è stato superato da tempo. Ma abbiamo ancora la speranza di limitare i danni. Un nuovo rapporto sulla scienza del clima globale, infatti, pubblicato nelle scorse ore dall’Ipcc (Panel scientifico dell’Onu sul cambiamento climatico), ci pone davanti alla scelta di perseguire seriamente l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi, definendo in modo molto dettagliato il futuro che avremo se oggi faremo le scelte sbagliate. L'Ipcc, infatti, pubblica rapporti di valutazione scientifica completi ogni 6-7 anni. Questi rapporti sono una fonte autorevole di informazioni sul cambiamento climatico e offrono una solida base di comprensione ai decisori politici. L'ultimo report, il Quinto rapporto di valutazione, è stato completato nel 2013-2014 e ha fornito il principale contributo scientifico all'Accordo di Parigi.

Salvare il clima "è ancora possibile"

Il documento conferma che gli esseri umani hanno alterato irreversibilmente il clima del pianeta, ma l'opportunità di invertire la rotta, anche se si va assottigliando man mano che passano gli anni, è ancora possibile se un'azione urgente e forte per ridurre drasticamente le emissioni di anidride carbonica e proteggere e ripristinare la natura verrà intrapresa immediatamente. Stiamo già vedendo gli impatti negativi del cambiamento climatico con un riscaldamento globale di circa 1,1 gradi centigradi sopra i livelli preindustriali: il rapporto Ipcc sottolinea che la finestra di opportunità per limitare l'aumento della temperatura globale a 1,5 gradi oltre i livelli preindustriali - l'obiettivo più ambizioso dell'Accordo di Parigi - si sta rapidamente chiudendo, e che ogni frazione di grado conta nel nostro sforzo globale per prevenire gli impatti più catastrofici su persone e natura. Tra l’altro, l’Europa, con altre regioni del mondo, risentirebbero moltissimo di un incremento della temperatura superiore a 1,5 gradi. Inoltre, secondo il Report occorre stabilire un budget di carbonio, cioè un limite al carbonio che si può emettere, se si vuole davvero limitare il riscaldamento globale.

Con 1,1 gradi in più conseguenze devastanti

Il rapporto del primo gruppo di lavoro dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) dell'ONU, "Climate Change 2021: The Physical Science", fornisce un quadro aggiornata del sistema fisico del clima, tenendo conto gli ultimi progressi della scienza del clima. È il primo di quattro contributi al sesto rapporto di valutazione dell'Ipcc (AR6) in corso di preparazione. Con il riscaldamento globale che ha raggiunto 1,1 gradi, il mondo sta già vedendo più chiaramente che mai le conseguenze devastanti di un'azione climatica ritardata: dagli incendi in Turchia alle inondazioni in Europa e Cina, dalle ondate di calore in Nord America alla siccità devastante in Madagascar.

Stephen Cornelius, responsabile Ipcc per il Wwf a livello globale ha dichiarato: "Questa è una valutazione cruda del futuro spaventoso che ci aspetta se non agiamo. Con il mondo sull'orlo di un danno irreversibile, ogni frazione di grado di riscaldamento conta per limitare i pericoli del cambiamento climatico. È chiaro che mantenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi è estremamente impegnativo e può essere fatto solo se si intraprende un'azione urgente a livello globale per ridurre drasticamente le emissioni di gas serra e proteggere e ripristinare la natura".

"Il rapporto del Gruppo di Lavoro I dell’Ipcc arriva in un momento importante in vista della COP26 - ha confermato Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del Wwf Italia - e mette dei punti fermi da cui i negoziatori devono partire: la certezza della portata della crisi climatica e della responsabilità dell'umanità nel determinarla (definita “incontrovertibile”) inclusi quindi gli eventi meteorologici estremi; la consapevolezza di quanto abbiamo cambiato il pianeta e che le cose continueranno a peggiorare a meno che non cambiamo immediatamente rotta. Ecco perché i leader mondiali devono usare ogni opportunità, specialmente il prossimo summit del G20 e la COP 26, per realizzare un'azione climatica che risponda all'ambizione necessaria per assicurare che l'obiettivo di 1,5 gradi dell'accordo di Parigi non sfugga di mano".

"Non possiamo permetterci che il futuro di miliardi di persone sia preso in ostaggio dall’ottuso interesse di pochi. I leader devono prestare attenzione alla scienza, perché il tempo sta per scadere. Vorremmo vedere finalmente capacità di guidare il cambiamento a livello globale e a livello nazionale, la salvaguardia del clima e degli ecosistemi da cui dipendono moltissime specie, e sicuramente quella umana, devono diventare la base su cui fondare prosperità ed equità, non un fardello di cui si parla sì, ma che poi si accantona nei momenti delle scelte che contano davvero", conclude Midulla.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pianeta infuocato, l'Onu: "Crisi climatica irreversibile, conseguenze devastanti"

Today è in caricamento