Lunedì, 20 Settembre 2021
Animali

Condannati i "liberatori" dei cani di GreenHill

Dopo mesi di polemiche e una sentenza a favore dei cuccioli, ecco le condanne per gli animalisti: le pene vanno dagli otto ai dieci mesi

Condannati gl animalisti che hanno "liberato" gli animali di GreenHill. Il tribunale di Brescia ha condannato 12 dei 13 animalisti a processo con pene dagli otto ai dieci mesi. Il motivo? L'assalto nell'Aprile 2012 all'allevamento Green Hill e la liberazione di decine di cani beagle, allevati per poi essere utilizzati nella sperimentazione animale.

La storia è lunga e travagliata e abbiamo parlato spesso di quanta disinformazione ci sia stata sul tema: autopsie scambiate per torture, fraintendimenti vari e vere e proprie bufale.

E d'altronde, la prima parte di questa vicenda si era conclusa, con la condanna in primo grado di tre persone ai vertici dell'allevamento per maltrattamento e uccisione di animali. Anche in quel caso, però, l'impianto accusatorio è sembrato piuttosto debole con prove e verifiche piuttosto scarne.

Soddisfazione da parte dell'azienda che vede finalmente riconosciuto l'attacco animalista verso una struttura privata e non come semplice disobbedienza civile e rammarico della LAV (Lega Antivivisezione), secondo cui gli attivisti non avrebbero rubato nulla, ma, appunto, salvato vite animali. Una vicenda, comunque, che sembra tutt'altro che conclusa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condannati i "liberatori" dei cani di GreenHill

Today è in caricamento