La seconda ondata? In Italia previsto picco da 50mila casi tra ottobre e novembre

La tempistica precisa dei punti più alti dei tassi di infezione per ogni paese potrebbe essere controllata attraverso il distanziamento sociale

Potrebbe arrivare a cavallo tra ottobre e novembre il prossimo picco della pandemia in Italia e più in generale in Europa. Due ricercatori italiani, Giacomo Cacciapaglia che lavora all'Institut de Physique des 2 Infinis, Villeurbanne, Francia e Francesco Sannino, Università della Danimarca meridionale, Odense, Danimarca, hanno elaborato un modello matematico per cercare di capire, sulla base dei dati rilevati, come potrebbe evolvere la pandemia. I risultati sono stati pubblicati su Nature Scientific Reports.

Coronavirus: la seconda ondata in Europa

I risultati suggeriscono che una seconda ondata in Europa è possibile tra luglio 2020 e gennaio 2021 e che la tempistica precisa dei picchi dei tassi di infezione per ogni paese potrebbe essere controllata attraverso il distanziamento sociale, il controllo dei focolai locali e le misure di controllo delle frontiere. Utilizzando i dati della prima ondata, ma consentendo una variazione del 15% nei tassi di infezione, Giacomo Cacciapaglia e colleghi hanno dimostrato che la tempistica dei picchi della seconda ondata è fortemente dipendente dai tassi di infezione, con picchi più rapidi previsti per i paesi con tassi di infezione più elevati. Le misure di allontanamento sociale e il comportamento individuale responsabile, se implementati precocemente, possono avere un forte effetto sul momento in cui si verificano i picchi.

seconda ondata coronavirus quando-2

Tenendo conto della situazione attuale in Europa, dove dieci paesi - Belgio, Bosnia, Croazia, Repubblica Ceca, Grecia, Paesi Bassi, Serbia, Slovacchia, Slovenia e Spagna - hanno mostrato l'inizio di una seconda ondata all'inizio di agosto, gli autori hanno modellato le dinamiche temporali di una seconda ondata per tutti i paesi in Europa e ha creato una simulazione video di quando è probabile che una seconda ondata raggiunga il picco in ciascun paese. I risultati mostrano che è probabile che si verifichino picchi tra luglio 2020 e gennaio 2021, mentre in Italia il possibile picco è stimato a cavallo tra ottobre e novembre, ma i tempi precisi per ciascun paese potrebbero essere potenzialmente controllati tramite il controllo delle frontiere e le misure di allontanamento sociale, nonchè il controllo dei focolai locali.

Secondo i dati della ricerca, nella più pessimistica delle previsioni si potrebbero contare nel nostro Paese fino ad oltre 50mila nuovi casi a settimana. Intanto in Germania il virologo dello Charité Christian Drosten, una delle voci di punta del panorama scientifico tedesco afferma che la pandemia inizierà seriamente soltanto adesso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Verso il coprifuoco alle 22 in tutta Italia

  • Raimondo Todaro: "Con Elisa Isoardi sempre più uniti, ma in ospedale con me c’era la mia ex moglie"

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Fa la spia perché il vicino non rispetta la regola dei 6 in casa e finisce malissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento