Sabato, 18 Settembre 2021
Expo 2015

Dal telefono al diesel, cosa ci hanno lasciato gli Expo del passato

A pochi giorni dalla fine dell'esposizione universale di MIlano ecco un rapido riassunto di quello che ci hanno portato gli eventi dell'ultimo secolo. Nell'elenco anche i raggi x e la tecnologia del touchscreen

a Tour Eiffel, entrata di EXPO1889

Da pochi giorni è finito EXPO, l'esposizione universale che si è tenuta per 6 mesi a Milano e che aveva come tema principale il cibo e la sostenibilità ("Nutrire il pianeta, energia per la vita" era il motto).

Si è molto discusso su quanto sia stato un successo (o meno) e su quali siano stati gli errori di impostazione del mega evento. Uno dei limiti, ad esempio, è quello di non avere molto da portare nel "dopoEXPO". C'è sicuramente la Carta Di Milano, un documento sui diritti al cibo, che riguardi la tutela dei lavoratori, tecnologie sostenibili, meno spreco e azioni a favore della sovranità alimentare.

Una carta però che rischia di rimanere solo "teorica", a differenza di tante altre esposizioni passate, nelle quali sono state presentate innovazioni e scoperte che avrebbero cambiato la storia. Vediamone alcune (fonte LeScienze.it).

Il Telefono: brevettato da Alexander Graham Bell è stato presentato ufficialmente poco dopo a Philadelphia (1876).

Il diesel: il primo motore diesel in grado di usare gasolio, fu presentato nell'EXPO di Parigi del 1900. In realtà per l'occasione fu usato olio di arachidi, un anticipazione dei moderni "biocombustibili".

Raggi X: la prima macchina ai raggi X è stata presentata nel 1901 a Buffalo.

Touchscreen: se oggi usiamo tutti smartphone e oggetti simili in parte lo dobbiamo all'EXPO di Knoxville del 1982. In quell'occasione infatti è stato presentato il primo touchscreen della storia.

Di esempi simili ce ne sono tanti altri (la Tour Eiffel, ad esempio, era l'entrata di EXPO1889!): quello che ci auguriamo che anche EXPO2015 possa lasciare qualcosa di concreto per il futuro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal telefono al diesel, cosa ci hanno lasciato gli Expo del passato

Today è in caricamento