Lunedì, 1 Marzo 2021

C’è una cura promettente contro Covid-19

La combinazione di baricitinib, un farmaco antinfiammatorio, e dell'antivirale remdesivir si sarebbe dimostrata efficace nel ridurre i tempi di guarigione dei pazienti più gravi

Foto di repertorio

Una nuova speranza contro Covid-19? Secondo uno studio pubblicato sul 'New England Journal of Medicine' e sostenuto dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid), diretto da Anthony Fauci, la combinazione di baricitinib, un farmaco antinfiammatorio, e dell'antivirale remdesivir avrebbe ridotto il tempo di guarigione delle persone ricoverate in ospedale con Covid-19. In particolare il “cocktail” dei due farmaci sarebbe risultato abbastanza efficace nei pazienti che richiedevano ossigeno ad alto flusso o ventilazione non invasiva il cui tempo di recupero è stato di 10 giorni nei pazienti sottoposti alla terapia e di 18 giorni nel gruppo di controllo.

Covid: la cura a base di baricitinib e remdesivir

Il tempo mediano di recupero nei pazienti ospedalizzati è stato invece pari a 7 giorni per i pazienti che hanno assunto i due farmaci e di 8 giorni per chi ha ricevuto il placebo.  La mortalità a 28 giorni è stata del 5,1% nel gruppo che ha ricevuto il trattamento e del 7,8% nel gruppo di controllo. Gli autori dello studio hanno osservato che il trattamento a base di baricitinib e remdesivir è stato associato a un minor numero di eventi avversi gravi. Insomma, c’è di che sperare. Anche se, come sempre, serve molta cautela. Lo studio è stato condotto

Il Remdesivir è un trattamento antivirale ad ampio spettro sviluppato da Gilead Sciences, e al centro di numerose sperimentazioni contro Covid. Baricitinib è stato scoperto da Incyte e concesso in licenza a Eli Lilly and Company, approvato come trattamento per adulti con artrite reumatoide attiva da moderatamente a grave. I ricercatori hanno ipotizzato che, poiché molti sintomi gravi di Covid-19 sono causati da una risposta infiammatoria sregolata, una terapia progettata per colpire proprio l'infiammazione potesse essere utile ai pazienti. I risultati principali di questo studio sono stati annunciati per la prima volta a settembre. E pochi giorni fa è arrivata la pubblicazione sul 'New England Journal of Medicine', una delle riviste più autorevoli in campo medico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C’è una cura promettente contro Covid-19

Today è in caricamento