Domenica, 17 Gennaio 2021
Spazio

Spazio, partita la missione ExoMars: il lancio della sonda diretta su Marte è riuscito

La missione che "parla italiano" procede per il meglio: il veicolo spaziale è stato lanciato dalla stazione Baikonur in Kazakistan e portato, grazie a un particolare "razzo vettore", fuori dall'attrazione gravitazionale terrestre

Gli scienziati di tutto il mondo hanno dovuto aspettare quasi 12 ore per avere il primo contatto con ExoMars e il risultato è buono: la sonda comunica e la missione verso Marte procede per il meglio.

Facciamo però un passo indietro. Cos'è ExoMars? Si tratta di una missione di esplorazione realizzata dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA) e l'Agenzia Spaziale Russa (Roskosmos) che ha l'obiettivo di studiare in maniera approfondita l'ambiente di Marte.

Tutto è iniziato la mattina di lunedì 14 marzo, quando il veicolo spaziale è stato lanciato dalla stazione Baikonur in Kazakistan e portato, grazie a un particolare "razzo vettore", fuori dall'attrazione gravitazionale terrestre. ExoMars, dopo aver perso i primi tre "stadi", è ora costituito da un propulsore che servirà a raggiungere Marte, da un modulo TGO (Trace Gas Orbiter), che rimarrà orbitante attorno al pianeta rosso, e da un modulo di discesa EDM "Schiapparelli" (Entry descent landing demonstrator module). Il TGO servirà a studiare l'atmosfera e l'eventuale presenza di metano o altri gas che potrebbero far pensare a qualche forma vivente. Il modulo "Schiapparelli", invece, atterrerà su Marte e, grazie alla sua stazione metereologica incorporata DREAMS, analizzerà umidità, pressione, temperatura e altre caratteristiche atmosferiche.

"Bisogna capire determinati problemi, come l'atterraggio, la sopravvivenza - osserva Barbara Negri, la responsabile Asi che ieri mattina ha seguito dal centro Altec di Torino, il lancio del razzo Proton dalla Base di Baikonur -. Bisogna studiare l'atmosfera - prosegue -, Marte è un ambiente ostile con temperature che vanno da meno 130 gradi a più 27 con un'atmosfera, anche se rarefatta, ostica. Inoltre il pianeta è esposto alle radiazioni cosmiche, e c'è la necesità di proteggere un futuro astronauta".

Questa è solo la prima parte della missione: la seconda parte, infatti, che inizierà nel 2018, prevede lo sbarco su Marte di un rover innovativo in grado di analizzare in modo approfondito il suolo.

Tutto è stato pensato in modo estremamente accurato e anche la data lancio non è stata casuale: un aspetto molto critico della missione è infatti il grande dispendio di energia e carburante per lanciare il modulo nello spazio e fargli raggiungere Marte. La finestra di tempo in cui era possibile effettuare il lancio, pensate, era di meno di una settimana in due anni e questi sono i giorni in cui la distanza Terra-Marte è più piccola.

Come detto, quindi, la missione è iniziata bene. Il lancio è avvenuto correttamente e, dopo qualche ora di trepidazione, ExoMars si è fatto sentire, ha aperto i pannelli solari che consentono la ricarica delle batterie e, sopratuttto, è sulla traiettoria giusta per Marte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spazio, partita la missione ExoMars: il lancio della sonda diretta su Marte è riuscito

Today è in caricamento