Venerdì, 22 Gennaio 2021
SALUTE

"Fibre emergono dalla mia pelle": l'oscura vicenda della malattia Morgellon

Il Morgellon è una malattia non riconosciuta, perché potrebbe addirittura non esistere. Facciamo chiarezza

Poco tempo fa la cantautrice canadese Joni Mitchell aveva affermato di soffrire di una rara malattia della pelle, chiamata morbo di Morgellons (fonte Wired). Secondo la sua descrizione, dal nulla sarebbero iniziate a crescere dalla sua pelle fibre di vario tipo, di natura assolutamente misteriosa. Un “killer lento” che non è riconosciuto dalla medicina.

Per quale motivo per la scienza questa malattia non esiste ancora? Diciamo intanto che la malattia viene scoperta nel 2001 da un tecnico di laboratorio chiamato Mary Leitao, che si convince che il figlio produca fibre da lesioni della sua pelle. Trovando riscontro su internet, fonte di qualsiasi tipo di informazione vera o falsa che sia, riconosce apparentemente gli stessi disturbi in un antichissimo testo di uno scienziato del 1600: il nome dato alla malattia era Morgellon.

Dal 2002, complice la diffusione dell’allarme su internet, iniziano ad aumentare le persone che dicono di avere questa malattia e gli scienziati iniziano a indagare, facendo emergere alcuni dati importanti. Innanzitutto coloro che sostengono di soffrire di questa malattia tendono a fare autodiagnosi, in base a quanto trovano su internet, col forte rischio di trovare notizie non verificate. E nascono collegamenti con teorie del complotto, come quelle che vedono Governi e multinazionali attori principali nel diffondere tale morbo, tramite improbabili irrorazioni da aerei. Nel 2012 il center for Disease Control and Prevention statunitense pubblica un articolo scientifico sulla rivista PLOSone dove non viene evidenziato alcun agente infettivo che potrebbe provocare tale malattia, né qualche causa ambientale. In compenso si scopre che le fibre, teoricamente prodotte dalla pelle, erano spesso di normale cellulosa. Dalle diagnosi dei pazienti, inoltre, i medici hanno osservato che i pazienti avevano piaghe dovute a forti esposizioni al Sole o escoriazioni neurotiche, cioè tendenza a grattarsi molto frequentemente. Molti di queste persone erano affetti da disturbi psichiatrici e psicopatici e spesso consumatori di droghe che potrebbero alterare le loro percezioni.

In altre parole attualmente è molto probabile che non esista una vera malattia del Morgellon, ma si tratti di una parassitosi illusoria, cioè una psicosi che porta le persone a credere di essere infestate da parassiti inesistenti. Dato che però queste persone hanno problemi reali (e soffrono), alcuni medici hanno proposto di utilizzare comunque il termine per creare un rapporto col paziente, che altrimenti tenderebbe a isolarsi, se considerato semplicemente “pazzo” o inventore di una malattia che non esiste.

Un caso che deve far riflettere su quanto la nostra mente possa influenzare il nostro stato di salute e su quanto sia importanza valutare a livello scientifico ogni caso, per evitare di andare alla ricerca di cause totalmente fuorvianti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fibre emergono dalla mia pelle": l'oscura vicenda della malattia Morgellon

Today è in caricamento