rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Inquinamento segreto

I fornelli a gas inquinano molto più del previsto

Una ricerca americana rivela l'impatto ambientale fin'ora sottovalutato dei piani di cottura a gas: solo negli Stati Uniti è pari a quello di 500mila automobili

La concentrazione di metano nell’atmosfera del nostro pianeta aumenta inesorabilmente da decenni. Il pericolo per l’ambiente è più che mai concreto, visto che gli effetti sul clima sono circa 80 volte superiori a quelli dell’anidride carbonica. Ma sulle cause dell'emergenza rimangono ancora diversi dubbi: se la colpa dell'aumento del metano nell'atmosfera è quasi certamente la nostra, non è però del tutto chiaro da dove arrivino le emissioni crescenti registrate negli ultimi anni. Un nuovo studio di Stanford, ad esempio, segnala una fonte fino ad oggi sconosciuta, eppure piuttosto rilevante: i fornelli a gas delle nostre cucine.

La ricerca è stata appena pubblicata sulla rivista Environmental Science & Technology, e ha coinvolto 53 famiglie californiane, che hanno prestato le loro cucine alla scienza per misurare quanto metano emettessero i piani di cottura, e in quali fasi del loro utilizzo. Tra i modelli studiati era presente un po’ di tutto: oltre 18 differenti marche di fornelli; elettrodomestici quasi nuovi, o vecchi anche di 30 anni.

I ricercatori di Stanford hanno monitorato le emissioni di gas durante l’accensione e lo spegnimento dei fornelli, nel corso della cottura, e anche a fuochi spenti. Scoprendo subito la prima caratteristica inaspettata: le emissioni maggiori di metano, quasi i tre quarti del totale, avvengono quando le cucine non sono in utilizzo, a causa di perdite nelle tubazioni e dagli ugelli dei piani cottura. Anche l'accensione e lo spegnimento dei fornelli sono risultate operazioni inquinanti, da cui provengono emissioni paragonabili a quelle che si registrano in 10 minuti di cottura. Età o modello dei fornelli, invece, non sembrano influenzare particolarmente le emissioni di metano. 

In termini assoluti, le emissioni di metano in atmosfera provenienti dai piani di cottura a gas sarebbero pari all'1,3% del volume di gas totale utilizzato (quello che va in bolletta, per intenderci). Una mole superiore al totale delle emissioni prodotte dalle altri fonti residenziali note di emissioni di gas metano. Che rapportato al totale della popolazione americana ha un impatto annuale paragonabile a quello della CO2 prodotta da 500mila automobili a benzina. 

Le cucine a gas inoltre producono anche altre emissioni indesiderate di gas: biossido di azoto, monossido di carbonio, formaldeide. Gas inquinanti che si accumulano nelle nostre case, e possono irritare l'apparato respiratorio. “Personalmente non vorrei respirare nessuno di questi gas inutilmente”, ha commentato Rob Jackson, Professore di Scienze della Terra dell'Università di Stanford che ha coordinato lo studio. “Perché non ridurre del tutto i rischi?– ha aggiunto l'esperto – Passare all'utilizzo di fornelli elettrici abbatterebbe le emissioni di gas serra e anche l'inquinamento all'interno delle nostre case”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I fornelli a gas inquinano molto più del previsto

Today è in caricamento