Sabato, 25 Settembre 2021
Scienze Roma

Un fascio di luce nell'oscurità: fotografato il passaggio della Stazione Spaziale Internazionale 

L'astrofisico Gianluca Masi il 28 febbraio ha immortalato il transito dell'Iss nel cielo di Roma: uno scatto meraviglioso composto dall'unione di dieci fotogrammi

Affermare la nostra presenza nello spazio è sempre un momento affascinante e la Stazione Spaziale Internazionale ne è senza dubbio la prova più importante.

Una stazione che dal 1998 orbita sulle nostre teste e che all'alba del 28 febbraio 2019 è stata immortalata nel suggestivo scenario di Castel Sant'Angelo a Roma grazie all'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope Project. 

Lo scatto è stato realizzato alle 5.32, l'orario più favorevole per osservare il passaggio dell'Iss con una maggiore visibilità.

L'immagine che mostra questa sottile linea luminosa è in realtà una combinazione di dieci fotogrammi realizzati in 20 minuti, con il Virtual Telescope che ha anche messo a disposizione un'altra immagine in cui vengono mostrate le costellazioni visibili al momento del passaggio: Orsa Maggiore (UMa) e Orsa Minore (UMi), Cefeo (Cep), Lucertola (Lac), Cassiopea (Cas), Lince (Lynx).

stazione-spazale-costellazioni-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un fascio di luce nell'oscurità: fotografato il passaggio della Stazione Spaziale Internazionale 

Today è in caricamento