Venerdì, 17 Settembre 2021
SALUTE

La vitamina C fa guarire dal raffreddore?

Quasi un dogma, eppure la risposta è tutt'altro che scontata

La vitamina C, contenuta soprattutto negli agrumi, è molto importante per la nostra salute e aiuta a rinforzare le difese immunitarie. Ma serve davvero per combattere e prevenire raffreddore e influenza? Pare di no, o almeno non così tanto (fonte e dettagli su Bufale Un Tanto Al Chilo).

Perché quasi tutto il mondo allora ne è assolutamente convinto della loro efficacia? E come mai si spinge tanto sulla vendita di integratori alimentari specifici? 

Innanzitutto va detto che le vitamine in genere sono prese in piccole quantità e raramente diventano pericolose per le alti dosi (in particolare la C). Tutto nasce da Linus Pauling, importante scienziato e premio Nobel (per ben due volte!), secondo cui la vitamina C era un po' la panacea per tutti i malanni. Il motivo era che nei primi annl '60 Linus Pauling, su indicazioni di Irwin Stone che gli scrisse di assumere almeno 3000 mg di vitamina C per vivere a lungo, sostenne di sentirsi più in salute, senza più avere i tanto noiosi raffreddori a cui era abituato.

A riguardo, nel 1970, Pauling scrisse un libro dal titolo "La vitamina C e il raffreddore", proponendo un'assunzione minima di 3000 mg di vitamina. E poco più avanti, ormai in preda a una verra ossessione, iniziò a credere che la vitamina C potesse combattere perfino l'HIV.

Ma quindi..funziona o no?

Molti ricercatori hanno cercato di capirlo, ma finora non si sono visti effetti rilevanti della vitamina C nella riduzione dei raffreddori: da un'analisi di 30 studi, ad esempio, la diminuzione della durata media del raffreddore è stata solo dell'8%, come fossero 10 euro su 5 giorni di malattia.

Cattive notizie anche per un suo ipotetico effetto di prevenzione del cancro, della polmonite o malattie cardiovascolari. Non solo: dosi esagerate (sopra i 2000 mg al giorno) possono avere effetti indesiderati come crampi e nausea.

Quello che invece è stato verificato da Secoli, ancora quanto la vitamina C non era stata identificata, è un suo ruolo preventivo contro lo scorbuto, malattia tipica dei marinai di un tempo. Oggi fortunatamente è rarissimo avere delle carenze, perché la dose minima per evitare gli effetti dello scorbuto è di appena 10 mg.

In conclusione gli agrumi, dato il loro contenuto elevato di vitamina C, sono importanti per rinforzare le difese immunitarie, ma non sono in grado, se non molto limitatamente, di farci passare il famoso raffreddore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vitamina C fa guarire dal raffreddore?

Today è in caricamento