Martedì, 2 Marzo 2021

C'è vita su Marte? Il 18 febbraio inizia la missione di ricerca

Giovedì, alle 21.55 italiane, è previsto l'atterraggio sul pianeta rosso del rover Perseverance e del drone Ingenuity: le due macchine dovranno esplorare la zona nei pressi del cratere Jezeero

Un'illustrazione della sonda Perseverance (Foto Ansa)

Ci sono (o ci sono state) forme di vita su Marte? Una domanda che la scienza si pone da anni e che potrebbe trovare risposte molto presto. Giovedì 18 febbraio alle 21.55 italiane, la la sonda Perseverance della Nasa arriverà sul suolo del pianeta rosso, dando inizio alla sua missione: cercare forme di vita e raccogliere  campioni di roccia e di suolo prima di rientrare sulla Terra.

Ovviamente non sarà tutto così semplice, come mostrano le illustrazioni della Nasa, la discesa sul suolo marziano non sarà semplice, soprattutto in caso di eventi critici su Marte. Le operazioni verranno guidate dal laboratorio della Nasa nel Sud della California, che ha costruito il rover, il quinto dell'agenzia spaziale americana inviato sul pianeta rosso. 

perseverance-marte-ansa-2

Oltre a Perseverance, nella missione Nasa Mars 2020 è coinvolto un altro membro dell'equipaggio, del tutto inedito in questo genere di missioni. L'elicottero Ingenuity, un piccolo drone che permetterà di volare sul pianeta ed avere immagini e dati fin ora sconosciuti. Le due macchine esploreranno la zona di atterraggio, il cratere Jezeero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ingenuity, il cui nome tecnico è Mars Helicopter Scout, è un elicottero-drone del peso di 2 kg, è dotato di quattro zampe ed è lungo poco più di un metro. Porta in dotazione anche delle telecamere, dei sensori, un pannello solare e delle antenne. Il più grande dubbio che questa tecnologia dovrà sciogliere è legato al volo su Marte, un'operazione fin ora mai avvenuta e messa a repentaglio dalle rigide temperature della notte marziana: in caso di successo, la possibilità di volare potrebbe permettere di compiere un balzo in avanti nell'esplorazione del pianeta. Il primo volo del drone è previsto per il prossimo 19 marzo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è vita su Marte? Il 18 febbraio inizia la missione di ricerca

Today è in caricamento