Martedì, 22 Giugno 2021
Scienze

Come la mascherina riduce il contagio

Lo studio che conferma il suo ruolo fondamentale per ridurre la trasmissione, insieme al distanziamento

Le mascherine funzionano davvero contro il coronavirus? Certo che sì, checché ne dicano i "no mask" con le loro strampalate rivendicazioni. Un nuovo studio condotto su dati statunitensi e pubblicato sulla rivista specializzata The Lancet Digital Health toglie ogni alibi: l'uso di mascherine, è la conclusione a cui approdano gli autori, è collegato a una ridotta trasmissione di Covid-19. Nel lavoro viene rilevato che un aumento del 10% nell'utilizzo delle protezioni facciali è associato ad un aumento più di tre volte delle probabilità di mantenere l'indice di contagio Rt inferiore a 1. Il che equivale a un maggior controllo di Sars-CoV-2. L’indice Rt è uno dei parametri in base al quale viene calcolata la capacità di un’epidemia di espandersi. Rt descrive il tasso di contagiosità dopo l’applicazione delle misure atte a contenere il diffondersi della malattia, è un numero che indica quante persone vengono contagiate da una sola persona, in media e in un certo arco di tempo: è dunque un parametro legato a una situazione contingente, a seconda dell’efficacia delle misure di contenimento. Se l’indice Rt è superiore a 1, significa che in media ogni persona infetta sta contagiando più di una persona, e che dunque l’epidemia è in espansione, con il numero di casi che sta crescendo.

Come le mascherine riducono l'indice di contagio Rt

Lo studio si basa su comportamenti auto-segnalati. I dati sono stati ricavati da un sondaggio online condotto tra il 3 giugno e il 27 luglio 2020. Le comunità in cui è stata segnalata un'adozione massiccia delle mascherine e del distanziamento fisico hanno la più alta probabilità prevista di controllo della trasmissione. I soli obblighi non erano sufficienti per aumentare i tassi di utilizzo delle mascherine e, suggeriscono gli autori della ricerca, potrebbero essere necessari altri interventi per migliorare l'accettazione del dispositivo di protezione da parte della comunità. Per arrivare alle conclusioni del lavoro, gli scienziati hanno collegato i dati del sondaggio che ha coinvolto oltre 300mila persone (da tutti i 50 stati Usa e dal Distretto di Columbia) alle stime localizzate di circolazione del virus. Un indice Rt inferiore a 1, ricordano gli autori, è considerato un segno chiave del fatto che la corsa del virus sta rallentando. I tassi di utilizzo della mascherina sono costantemente aumentati durante il periodo dell'indagine, ma gli autori non hanno riscontrato un ulteriore aumento a seguito dell'introduzione dell'obbligo in dodici Stati. Sebbene non si possa dimostrare un legame diretto, i risultati - fanno notare gli autori - forniscono un ulteriore supporto a favore dell'abitudine di indossare le mascherine in comunità come scudo anti contagio.

"L'obiettivo - spiega l'autore senior John Brownstein, del Boston Children's Hospital - è fornire una barriera fisica che prevenga la dispersione di goccioline cariche di virus. Tuttavia, le evidenze precedenti sull'efficacia dell'uso della mascherina contro Covid-19 sono contrastanti e la creazione di studi randomizzati controllati per indagare su questo aspetto è difficile. I nostri risultati, basati su dati osservazionali, suggeriscono un vantaggio per la comunità. Raccomandiamo ai responsabili politici di prendere in considerazione strategie aggiuntive, oltre agli obblighi, per aumentarne l'uso al fine di interrompere l'epidemia di Covid-19 in corso".

La mascherina non è un sostituto della distanza fisica tra le persone

Un altro risultato "importante - aggiunge il coautore Ben Rader, Boston Children's Hospital e Boston University - è che indossare la mascherina non è un sostituto della distanza fisica fra le persone e livelli elevati in entrambe le misure hanno la migliore probabilità di controllare la malattia". Al sondaggio web sono state registrate 378.207 risposte. La maggior parte degli intervistati ha riferito di essere "molto propensa" a indossare una mascherina al supermercato (84,6%), mentre meno della metà lo ha fatto per visitare familiari o amici (40,2%). Pochissimi hanno riferito di "non indossare affatto una mascherina" (4,7%). L'uso auto-riferito era più alto tra le persone di età pari o superiore a 65 anni (48%) e gruppi di razza diversi dai bianchi (neri, 62%; ispanici, 57%; altri, 49%). Differenze sono emerse anche in base alla posizione geografica, con la percentuale più alta lungo le coste e al confine meridionale degli Stati Uniti, nonché nelle grandi aree urbane.

"Il mondo sta affrontando un ceppo di coronavirus ancora più trasmissibile, gli ospedali stanno lottando con nuovi casi e i programmi di vaccinazione sono ancora in fase di lancio. Sono necessari interventi ora per ridurre il carico sui nostri sistemi sanitari - fa notare la coautrice dello studio, Christina M. Astley, Boston Children's Hospital e Harvard Medical School -. Questa ricerca fornisce ulteriori prove che qualunque strategia non può prescindere da mascherine e distanze".

Quanto dura l'immunità contro il coronavirus dopo la malattia
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come la mascherina riduce il contagio

Today è in caricamento