Scienze, partorisce dopo trapianto di utero: è la prima volta

La notizia riportata dalla rivista scientifica "Lancet": importante passo nella lotta alla sterilità. Il piccolo è nato dopo 31 settimane di gravidanza per una complicanza. Sia mamma che figlio stanno bene

Una 36enne svedese è diventata la prima donna al mondo a dare alla luce un bambino dopo aver subito un trapianto di utero. E' quanto ha riportato oggi la rivista scientifica The Lancet, presentando l'evento come un importante passo avanti nella lotta alla sterilità. Il bambino è nato lo scorso settembre dopo 31 settimane di gravidanza, a causa di una preeclampsia (complicanza caratterizzata da alta pressione sanguigna, che comporta rischi per il feto). Mamma e figlio stanno ora in buone condizioni di salute.

La donna era nata senza utero per una malattia genetica nota come sindrome di Rokitansky. L'intervento è stato condotto da un'equipe guidata dal professore Matts Braennstroem, specialista di ostetricia e ginecologia dell'Università di Gothenburg, dopo oltre 10 anni di ricerca.

L'assenza di utero "era l'unico tipo di infertilità femminile fino ad oggi ritenuto aldilà delle risorse terapeutiche", hanno sottolineato i medici. Questo intervento offre quindi speranza alle donne che non possono avere figli perché nate senza utero o con malformazioni, o anche perché hanno subito l'asportazione dell'utero a causa di un cancro o per un'emorragia in una precedente gravidanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'utero trapiantato alla donna svedese proveniva da un'amica di famiglia di 61 anni, già in menopausa quando è stato eseguito l'intervento. L'utero è stato trapiantato lo scorso anno durante un'operazione durata 10 ore; la 36enne si è quindi sottoposta alla fecondazione in vitro, per cui il bambino è stato concepito con ovuli della paziente, le cui ovaie erano intatte, attraverso la fecondazione in vitro con lo sperma del partner. Un anno dopo il trapianto, i ricercatori hanno trasferito l'embrione nell'utero trapiantato e, tre settimane dopo, il test di gravidanza è risultato positivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il caldo, quello vero: allerta in 10 città ma il weekend subirà un'irruzione atlantica

  • Angelica Donati, figlia di Milly Carlucci, ottiene una carica istituzionale da record

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 1 agosto 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Elezioni regionali 2020: tutti gli ultimi sondaggi e le ultime notizie

  • Uomini e Donne, l'ex tronista Ludovica Valli: "Sto male, analisi costanti ma mi fido dei medici"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento