Martedì, 15 Giugno 2021
Il virus al capolinea

Il primo studio sui vaccinati italiani: infezioni crollate del 95%, AstraZeneca protegge come Pfizer

La ricerca è stata condotta analizzando i dati di 37 mila persone che avevano ricevuto il vaccino in provincia di Pescara dal 2 gennaio. Rispetto alla popolazione non vaccinata i malati gravi sono diminuiti del 99%. Il lavoro non è stato ancora sottoposto a peer review

Foto di repertorio

Infezioni crollate del 95% e casi di malattia grave giù del 99%. Sono due dei dati preliminari più significativi emersi dal primo studio condotto in Italia su 37 mila persone che avevano ricevuto il vaccino dal 2 gennaio a Pescara. A spiegarli è uno degli autori: Lamberto Manzoli, direttore del Dipartimento di scienze mediche e professore di epidemiologia e sanità pubblica dell'università di Ferrara. "L'Asl di Pescara, che vaccinava dal 2 gennaio - ha detto Manzoli - si è detta: vediamo come stanno funzionando questi vaccini. Abbiamo condotto l'analisi con un po' di paura. Tremavamo all'idea che non potessero funzionare. Ma con grande sollievo i dati preliminari che abbiamo osservato sono davvero molto positivi".

"I risultati degli studi sperimentali andavano verificati sulla popolazione generale ed è quello che abbiamo fatto" ha aggiunto Manzoli, spiegando che "tutti e tre i vaccini" si sono rivelati "molto efficaci". Lo studio è stato condotto da un gruppo composto da ricercatori dell'università di Ferrara e dell'Asl di Pescara. Ha fra gli autori Manzoli e sul fronte dell'Asl pescarese Antonio Caponetti, direttore sanitario, e Graziella Soldato, "che ha vaccinato sul campo", racconta Manzoli. Il lavoro è stato appena sottomesso per la pubblicazione su una rivista scientifica e quindi non è ancora passato dalla revisione fra pari.

Cosa dice il primo studio italiano sui vaccini

"I dati sono preliminari - tiene a sottolineare l'epidemiologo - e abbiamo in cantiere ulteriori analisi. Ma intanto abbiamo un follow up medio di 30 giorni. E abbiamo potuto esaminare dati che si riferiscono a due dosi di Pfizer e Moderna e una singola di AstraZeneca, perché ancora non erano partite le seconde dosi. I risultati mostrano che sono tutti davvero molto efficaci".

Com'è stato condotto lo studio? "Abbiamo preso i vaccinati della provincia di Pescara e tutta la popolazione adulta residente (poco meno di 300mila persone)" spiega Manzoli. "I vaccinati erano al momento in cui abbiamo condotto lo studio 62mila. Avendo dovuto escludere per i tempi tecnici necessari alla sieroconversione i vaccinati di aprile, sono stati esaminati i dati di 37mila persone e sono stati confrontati con quelli dei non vaccinati". Fra le persone sottoposte a iniezione scudo - con Pfizer, Moderna e AstraZeneca - è risultato "evidente il calo di contagi e di malattia Covid, ma anche di morti (-91%, ma è una stima instabile). In pratica, abbiamo registrato un solo decesso", una donna di 96 anni. I dati dunque sono in linea con gli studi realizzati anche all'estero e peraltro confermerebbero l'efficacia dei vaccini contro la variante inglese, ormai da mesi dominante in Abruzzo (come d'altra parte nel resto d'Italia). 

AstraZeneca protegge come Pfizer e Moderna

Tanto per citare i dati relativi ai vaccinati con AstraZeneca "la percentuale di riduzione di infezioni, casi di malattia e decessi raggiunge il 99%" riferisce Manzoli. Insomma, altro che vaccino di serie B. "Magari questo dato così alto si modificherà un po' in futuro, ma non scenderebbe di tantissimo", dice. Tutti e tre i vaccini, comunque, hanno avuto "dati simili, gli intervalli di confidenza si sovrappongono. E posso dire che vanno al di là delle più rosee aspettative. Anche i dati preliminari sugli eventi avversi sono buoni, ma non li abbiamo potuti inserire per motivi tecnici. Peccato, perché potrebbero contribuire a rassicurare le persone che ne avessero bisogno". Manzoli tira le somme di quello che i ricercatori hanno potuto osservare nella 'vita reale': "Da un punto di vista dell'efficacia vediamo quanto funzionano" le iniezioni scudo anti-Covid. "Quindi, vaccinatevi, se non avete altri motivi che non lo permettono". Gli esperti faranno ora altre analisi sullo stesso database: "Vogliamo capire il tasso di reinfezioni, che di solito è basso, ma vogliamo verificarlo. E, ancora, vogliamo indagare su quante, fra le persone infettate, si sono contagiate dopo essere entrate in ospedale". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il primo studio sui vaccinati italiani: infezioni crollate del 95%, AstraZeneca protegge come Pfizer

Today è in caricamento